Innovazione, il punto debole sono le PMI

di Carlo Lavalle

scritto il

L’Italia non brilla per capacità  innovativa a confronto con gli altri paesi dell’Unione Europea. Risulta infatti posizionata al 15° posto nella classifica stabilita in base ai criteri definiti dal Quadro di valutazione “L’Unione dell’innovazione” 2014.

=> Agenda Digitale: la sfida della Governance

La sua performance viene elaborata avvalendosi di 25 indicatori (risorse umane, sistemi di ricerca aperti, investimenti delle imprese, collaborazioni e attività  imprenditoriali ecc.) è al di sotto della media europea.

L’Italia, che, giova ricordare, rappresenta la seconda potenza manifatturiera europea, è stata inserita nel gruppo degli “innovatori moderati“, insieme a Croazia, Repubblica ceca, Grecia, Ungheria, Lituania, Malta, Polonia, Portogallo, Slovacchia e Spagna. E’ grande la distanza con il gruppo di testa dei “leader dell’innovazione” composto da Danimarca, Finlandia, Germania e Svezia.

=> Fondi UE per PMI e Digitale: coperta troppo corta?

L’Italia, nel complesso, presenta risultati inferiori alla media UE per la maggior parte degli indicatori. Tra i punti deboli del nostro paese, che in ogni caso ha visto il suo rendimento innovativo crescere in modo costante fino al 2012 con un lieve calo nel 2013, c’è la minore capacità  di collaborazione delle PMI.

=> Incentivi fiscali: la mappa delle Regioni

I suoi punti di forza sono invece le co-pubblicazioni scientifiche internazionali e i disegni e modelli dell’UE.