ZFU Sisma Centro Italia: incentivi per imprese e autonomi dal 6 aprile

di Redazione PMI.it

scritto il

Zona Franca Urbana Sisma Centro Italia: istruzioni MiSE per accedere alle agevolazioni per imprese e autonomi: domande dal 6 aprile al 4 maggio.

Il MiSE ha stabilito i termini per la presentazione delle domande di accesso alle agevolazioni destinate alle imprese e ai lavoratori autonomi localizzati nella Zona Franca Urbana, istituita nei Comuni del Lazio, dell’Umbria, delle Marche e dell’Abruzzo colpiti dagli eventi sismici a partire dal 24 agosto 2016.

Zona Franca Urbana Sisma Centro Italia

Le richieste delle esenzioni fiscali e contributive possono essere presentate dal 6 aprile al 4 maggio 2022, grazie al plafond di risorse pari a circa 60 milioni di euro.

La circolare del MISE chiarisce le modalità di presentazione delle istanze di accesso alle agevolazioni e fornisce indicazioni sulle esenzioni previste. Ciascun soggetto può beneficiarne fino al limite massimo di 200mila euro: fino a 100mila euro nel caso di soggetti attivi nel settore del trasporto merci su strada per conto terzi e 25mila euro nel caso di soggetti attivi nel settore agricolo.

Per quanto riguarda le modalità di presentazione delle istanze, è possibile utilizzare esclusivamente la procedura informatica con identificazione e autenticazione tramite la Carta Nazionale dei Servizi da parte dei soggetti rappresentanti legali dell’impresa. Le agevolazioni sono consistono nella riduzione dei versamenti da effettuarsi con il modello di pagamento F24.

Bando ZFU 2022

Con la circolare ministeriale 28 marzo 2022, n. 120680 sono stati stabiliti i termini e le modalità di presentazione delle istanze a valere sullo stanziamento 2022 (articolo 57, comma 6, del DL 104/2020) in favore delle imprese e dei titolari di reddito di lavoro autonomo localizzati nella zona franca urbana istituita nel 2017 nei comuni colpiti dagli eventi sismici 2016.

Il bando 2022 è rivolto a:

  • imprese e i titolari di reddito di lavoro autonomo, regolarmente costituiti e attivi alla data del 31 dicembre 2020, già beneficiari delle agevolazioni di cui all’articolo 46, comma 2, del decreto-legge 50/2017 nell’ambito dei precedenti bandi emanati dal Ministero;
  • imprese e i professionisti, di qualsiasi dimensione che, all’interno della zona franca urbana, hanno avviato una nuova iniziativa economica in data successiva al 31 dicembre 2020 e fino al 31 dicembre 2021.