Tratto dallo speciale:

Il Cura Italia finanzia il Made in Italy

di Redazione PMI.it

scritto il

Promozione e sostegno di export e internazionalizzazione, del Made in Italy agroalimentare e non solo, con un fondo da 150 milioni nel 2020: le misure nel Cura Italia.

Potenziamento delle attività di promozione del sistema Paese, campagna di comunicazione, convenzioni fra amministrazioni pubbliche per il cofinanziamento di iniziative per sostenere export e internazionalizzazione, procedure di aggiudicazione semplificate, cooperazione del Ministero degli Esteri con Invitalia: sono iniziative a sostegno del Made in Italy previste dal decreto Cura Italia.

Le misure sono contenute nell’articolo 72 del dl 18/2020, che istituisce un “Fondo per la promozione integrata” del Made in Italy, con una dotazione iniziale di 150 milioni di euro per il 2020.

=> Decreto Coronavirus in vigore: testo e misure

La norma elenca le iniziative che verranno finanziate con il Fondo. Obiettivi: sostenere le esportazioni e l’internazionalizzazione del sistema economico nazionale, contenendo con immediatezza gli effetti negativi del Coronavirus. Le azioni previste:

  • realizzazione di una campagna straordinaria di comunicazione per sostenere export e internazionalizzazione del sistema Paese nel settore agroalimentare e negli altri settori colpiti dall’emergenza derivante dalla diffusione del Covid-19, anche avvalendosi di ICE-Agenzia italiana per l’internazionalizzazione delle imprese e per l’attrazione degli investimenti.
  • Potenziamento delle attività di promozione del sistema Paese realizzate, anche mediante la rete all’estero, dal ministero degli Affari esteri e della cooperazione internazionale e da ICE-Agenzia italiana per l’internazionalizzazione delle imprese e per l’attrazione degli investimenti.
  • Cofinanziamento di iniziative di promozione dirette a mercati esteri realizzate da altre amministrazioni pubbliche, mediante la stipula di apposite convenzioni: le amministrazioni pubbliche sono quelle definite dal Testo unico sul pubblico impiego (dlgs 165/2001, articolo 1, comma 2), quindi tutte le amministrazione dello stato compresi gli enti locali, scuole e università, Camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura e loro associazioni, tutti gli enti pubblici non economici nazionali, regionali e locali, le amministrazioni, aziende ed enti del Servizio sanitario nazionale, agenzie di ministeri ed enti pubblici.
  • Cofinanziamenti a fondo perduto fino al 50% dei finanziamenti concessi dal Fondo per le imprese esportatrici del Mediocredito centrale (articolo 2, primo comma, dl 251/1981), secondo criteri e modalità stabiliti con una o più delibere del Comitato agevolazioni istituito con la manovra 2018 (articolo 1, comma 270, 205/2017). I cofinanziamenti sono concessi nei limiti e alle condizioni previsti dalla vigente normativa europea in materia di aiuti di Stato di importanza minore (de minimis).
  • Fino al 31 dicembre 2020, i contratti di forniture, lavori e servizi possono essere aggiudicati senza bando di gara, utilizzando la procedura negoziata di cui all’articolo 63, comma 6, del Codice Appalti (decreto legislativo 50/2016). In pratica, le amministrazioni aggiudicatrici individuano gli operatori economici da consultare sulla base di informazioni riguardanti le caratteristiche di qualificazione economica e finanziaria e tecniche e professionali desunte dal mercato, nel rispetto dei principi di trasparenza, concorrenza, rotazione, e selezionano almeno cinque operatori economici, se sussistono in tale numero soggetti idonei. Scelgono poi l’operatore economico che ha offerto le condizioni più vantaggiose, ai sensi dell’articolo 95 del Codice Appalti, previa verifica del possesso dei requisiti di partecipazione previsti per l’affidamento di contratti di uguale importo mediante procedura aperta, ristretta o mediante procedura competitiva con negoziazione.
  • Sempre fino al 31 dicembre 2020, il ministero degli Esteri e ICE-Agenzia italiana per l’internazionalizzazione delle imprese e per l’attrazione degli investimenti possono avvalersi, con modalità definite mediante convenzione, e nei limiti delle risorse finanziarie disponibili a legislazione vigente, dell’Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo di impresa Spa – Invitalia.

Tutte queste iniziative si aggiungono a quelle previste dal Piano straordinario per il Made in Italy contenuto nell’articolo 30 del Dl 133/2014 (fra le altre cose, iniziative di formazione e informazione, manifestazioni fieristiche, valorizzazione eccellenze, tutela dei marchi e delle certificazioni di qualità e origine dei prodotti agroalimentari, distribuzione, e-commerce PMI, iniziative per startup, microimprese e PMI).

I Video di PMI