Piano Lavoro e Riforma Welfare: il programma Renzi

Assegno universale per i disoccupati, contratto unico a tutele crescenti, start-up, innovazione: le prime indicazioni sul Piano Lavoro di Renzi atteso per marzo.


Il premier Matteo Renzi ha confermato che a marzo partirà in Parlamento la discussione del Piano Lavoro, comprensivo di una Riforma del Welfare: focus su  contratto unico a garanzie crescenti e sussiddio di disoccupazione universale. In programma vi è una rivisitazione delle norme sui contratti di lavoro e un estensione ai precari degli ammortizzatori sociali per il sostegno al reddito, proposte già contenute nel Jobs Act, che di conseguenza resta il punto di partenza per i lavori:

=>Riforma del Lavoro Renzi: le misure nel Jobs Act

Nuovo Welfare

Si prevede l’introduzione di una sorta di ASPI (il sussidio di disoccupazione introdotto dalla Riforma Fornero e destinato a sostituire anche la Mobilità) allargata,  nello specifico: strumento universale a sostegno dei disoccupati, da inserire nel Piano Lavoro. Il Jobs Act parla di un «assegno universale per chi perde il posto di lavoro, anche per chi oggi non ne avrebbe diritto, con l’obbligo di seguire un corso di formazione professionale e di non rifiutare più di una nuova proposta di lavoro». Significa che avranno accesso agli ammortizzatori sociali anche lavoratori attualmente esclusi, come i collaboratori a progetto.

=>Ammortizzatori sociali: i sussidi disponibili

Il costo della misura è tra 8 e 18 miliardi. Ma stime attendibili bisogna aspettare di sapere in cosa consiste l’estensione, per quanto tempo e in che misura sarò prevista (oggi l’Aspi è intorno all’80% e dura da 12 a 18 mesi).

Nuovi contratti

La proposta riguarda «nuove regole normative, anche profondamente innovative», ovvero un contratto unico “a tempo indeterminato a tutele crescenti”, come recita il Jobs Act. Nessuna ulteriore precisazione, se non ridurre le attuali 40 forme previste dai Contratti Nazionali di Lavoro. Per tutele crescenti si intende che, per un determinato periodo (i primi due o tre anni di assunzione), non c’è la protezione dell’Articolo 18 (obbligo di reintegro). Ma non ci sono anticipazioni su come questo nuovo contratto si inserirà nell’attuale sistema né quali altre forme contrattuali siano destinate a sopravvivere o scomparire.

Altre misure

Il Piano Lavoro prevede anche misure per rendere il paese più attrattivo per gli investimenti esteri e una sorta di piano industriale per i singoli settori» (energie alternative, chimica verde, beni cultural…) sfruttando l’innovazione applicata alla ricerca e le potenzialità dei distretti tecnologici «che possono unire la capacità di investire sulle nuove generazioni con l’esperienza, la saggezza e la bellezza dei più grandi».

=>Riforme Renzi: leggi il calendario dei lavori

Agenda dei lavori

Il Piano Lavoro sarà presumibilmente preso in da Giuliano Poletti, che ha il difficile compito di mettere mano ai provvedimenti Fornero. Per il nuovo Ministro del Welfare, «la condizione essenziale per ottenere buoni risultati è una collaborazione efficace con il Parlamento e le forze sociali», contribuendo «all’affermazione del protagonismo sociale e della partecipazione attiva dei cittadini». Tutto questo mentre in parallelo viaggiano le altre riforme in programma, con le misure per il credito alle imprese e il taglio del cuneo fiscale.

X
Se vuoi aggiornamenti su Piano Lavoro e Riforma Welfare: il programma Renzi

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy