Google Maps Coordinate per il lavoro in mobilità

di Tullio Matteo Fanti

scritto il

Google Maps Coordinate semplifica l'organizzazione e la gestione dei dipendenti che lavorano in mobilità, grazie al supporto di Google Maps e alle potenzialità dei moderni smartphone.

Assegnare, organizzare i lavori e gestire uno staff diventa più semplice grazie a Google Maps Coordinate, un nuovo servizio dedicato alle realtà aziendali e in grado migliorare la comunicazione con i dipendenti in mobilità.

Google Maps Coordinate sfrutta le potenzialità di Google Maps e le caratteristiche dei moderni smartphone per monitorare gli spostamenti e l’andamento dei lavori che vengono effettuati fuori azienda, garantendo così un coordinamento delle operazioni decisamente efficiente ed innovativo.

I dipendenti che installano l’applicativo Google Maps Coordinate all’interno del loro smartphone possono quindi condividere costantemente la loro posizione in tempo reale, anche nel caso questi si trovino all’interno di uno spazio chiuso, grazie all’utilizzo di Google Indoor Maps.

L’applicativo permette inoltre la registrazione di informazioni in accordo con le differenti tipologie di lavoro; è compito degli amministratori infatti decidere quale tipologia di dati ogni differente compito richieda.

Chi resta in ufficio può creare i differenti team e assegnarli ad un lavoro, con la possibilità di monitorare i loro spostamenti. Può inoltre assegnare compiti a singoli o team di lavoro che ricevono così una notifica istantanea.

Google Maps Coordinate memorizza inoltre lo storico dei lavori compiuti e le location toccate dagli spostamenti; diventa così più semplice assegnare in modo efficiente i nuovi lavori e ottimizzare i movimenti dei team.

Google Maps Coordinate è aperto a qualunque realtà business e lavora in modo congiunto con Google Enterprise Maps e Earth, oltre ad offrire un set di API in grado di dialogare con qualunque sistema.

La registrazione al servizio ha un costo promozionale di 15 dollari/mese per utente, destinato ad aumentare a partire del 1 Settembre 2012.

 

I Video di PMI

Google Analytics: attenzione alla Frequenza di Rimbalzo!