Tratto dallo speciale:

Visibilità online per PMI: consigli pratici

di Redazione PMI.it

scritto il

Le PMI e lo scoglio del digitale: partendo da zero, bastano pochi passi la propria azienda protagonista sul Web, gli strumenti e i consigli di OVHcloud Italia.

Secondo i dati ISTAT, in Italia sono presenti più di 4 milioni e mezzo di imprese, di cui più del 90% è costituito da micro-imprese con meno di nove dipendenti.  Circa l’80% del totale – pari a circa 3,5 milioni – ha un profilo di bassa digitalizzazione, intendendo in questo senso una scarsa competenza dal punto di vista tecnologico che si traduce, ad esempio, in una limitata o perfino nulla presenza sul Web.

A questo dato si contrappone un 15,9% delle aziende che invece adottano le tecnologie per un utilizzo principalmente orientato a Internet. Ma solo il 4,7% del totale, presenta un elevato livello di digitalizzazione. Quest’ultimo gruppo raccoglie anche la maggioranza degli addetti con elevati skill, contribuisce a un terzo del valore aggiunto complessivo, investe maggiormente in dotazioni tecnologiche e premia i lavoratori in termini salariali.

Concentrandosi sulle PMI, lo scenario non appare dunque roseo, considerando che solo un terzo di esse possiede un sito Web, mentre più del 60% non ha una propria pagina sui social media. E anche se da parte delle aziende più piccole c’è un crescente interesse per le potenzialità del digitale, è evidente come per molte di esse il percorso sia ancora da iniziare.

OVHcloud da tempo si confronta con le difficoltà che le realtà di minori dimensioni e i professionisti incontrano – spesso spaventati dalle molte decisioni da prendere su quali piattaforme social utilizzare, quale fornitore di siti web scegliere ecc. – e per questo ha deciso di dare vita a un progetto per supportare le PMI nei primi passi del loro – oggi più che mai inderogabile – processo di digitalizzazione.

Una serie di portali dedicati agli step fondamentali per creare la propria visibilità online. Come scegliere un dominio (www.ovh.it/lp/visibilita-dominio) o creare in poche mosse un proprio sito web (www.ovh.it/lp/visibilita-sito-internet), garantendone la sicurezza (www.ovh.it/lp/visibilita-sicurezza).

Non solo, c’è anche un white paper che racconta il viaggio digitale di un piccolo commerciante che, dal nulla, arriva in poco tempo e senza distogliere risorse dal suo business, a creare il sito web per la propria attività e integrare una sezione e-commerce con PrestaShop.

Un progetto di “educazione digitale” che mette nero su bianco quei suggerimenti che da tempo OVHcloud fornisce a piccoli imprenditori e professionisti che incontra, una sorta di vademecum che descrive in maniera  semplice come dar vita al proprio “digital journey”.

In questi costanti confronti emerge, infatti, che già dalla registrazione del dominio l’approccio non è quello più efficace, poiché spesso l’imprenditore/professionista si lascia attrarre da promozioni molto convenienti per il primo anno, non considerando magari costi molto più elevati in quelli successivi. Oppure nella creazione della mail aziendale non si tiene conto di necessità di backup sicuro, hosting dedicato, e funzionalità collaborative come contatti condivisi e calendari.

Una situazione che è strettamente collegata a mancanza di competenze specifiche, come emerge da una ricerca commissionata da Confartigianato per cui i dipendenti con un livello di digitalizzazione basso/molto basso sono tra l’80 e il 90% nelle aziende con meno di 100 dipendenti.

In questo senso spesso OVHcloud consiglia, per rompere il ghiaccio, di partire con una pagina Facebook se giudica di non possedere risorse e tempo per mettere in piedi un sito Web, agendo attraverso un reindirizzamento dal proprio dominio, così da rendere la pagina creata sul social più “professionale”.

=> Come creare offerte su Pagine Facebook

Questo nonostante, a differenza di un decennio fa, la creazione di un sito basilare non richieda competenze specialistiche o l’assunzione di web designer professionisti. Spesso però i due/tre giorni necessari per avere un website perfettamente funzionante e soprattutto alcuni passaggi importanti scoraggiano i meno motivati: la scelta di un provider o del piano di hosting – in termini di quantità di spazio del server, disponibilità e regolarità di backup automatico – sono le principali difficoltà che traspaiono dalle risposte anche delle aziende con cui OVHcloud si interfaccia.

=> Elementi essenziali per il sito web aziendale

Ciò che emerge di confortante è l’interesse, anche per chi è alle prime armi nella digitalizzazione, verso le potenzialità di cloud ed e-commerce, nonostante solo il 10% delle PMI, ad esempio, venda online contro una media UE del 17%, solo il 6% effettui vendite transfrontaliere e solo l’8% circa dei ricavi complessivi provenga da vendite online (fonte: DESI 2019).

Siamo quindi di fronte a una sfida fondamentale che, però, può essere affrontata con sano spirito imprenditoriale, mettendo sul piatto della bilancia costi e benefici della creazione della propria presenza sul Web: una limitata quantità di tempo e di risorse da impegnare a fronte della possibilità di espandere il proprio business in maniera esponenziale.


di Dionigi Faccenda, Sales Manager OVHcloud Italia

I Video di PMI

Video su Facebook: impariamo dai più bravi