Come i social media incrementano la produttività 

di Carlo Lavalle

scritto il

I lavoratori incoraggiati ad usare i social media sul posto di lavoro aumentano la loro produttività .
A questa conclusione giunge un nuovo studio della Warwick University, che confuta l’annoso e controverso dilemma: più strumenti di collaborazione o mezzi di distrazione?

=> Leggi come usano i Social Media le imprese italiane

Joe Nandhakumar, docente di Digital Business Strategy e Social Media alla Warwick Business School, ritiene che l’avvento di Facebook, LinkedIn, Twitter e la diffusione degli smarthone non facciano diminuire concentrazione e capacità  di analisi ma rendano piuttosto il lavoro più flessibili ed efficace, migliorando l’attività .

Dopo un’analisi pluriennale in ambienti di lavoro in Gran Bretagna, Finlandia e Germania si è arrivati alla conclusione che “la connettività  digitale ubiqua ha modificato il senso della presenza dei lavoratori contribuendo ad aiutarli a svolgere i loro compiti”.

I risultati dello studio sono stati pubblicati nell’articolo “Exploring social network interactions in enterprise systems: the role of virtual co-presence” sull’Information Systems Journal.

In sostanza, grazie alle tecnologie e ai nuovi media digitali la forza-lavoro acquisterebbe la capacità  di collaborare su lunghe distanze per risolvere problemi o eseguire compiti attraverso sessioni produttive della durata relativamente breve.

=> Leggi di più sui social network

L’accesso ai social media consente di realizzare più vendite e sbrigare attività  di relazione con il cliente in minor tempo. Le maggiori informazioni ottenute tramite social network rappresentano un fattore che rafforza il potere del singolo e non un sovraccarico debilitante la sua azione.

Secondo Nandhakumar le principali resistenze aziendali all’adozione di Facebook o Twitter sul posto di lavoro vertono sulla preoccupazione di potenziali violazioni della sicurezza e sul pericolo di vulnerabilità  ad attacchi di hacker.

Per maggiori informazioni vai allo studio della Warwick University