Accordo Intel-Jajah

di Alfredo Polito

scritto il

20 milioni di dollari è la cifra con cui Intel finanzia Jajah. L'accordo prevede investimenti in capitali, contratti di marketing e brevetti

Intel offrirà un finanziamento di 20 milioni di dollari a Jajah, il software VoIP per telefonare gratis su internet concorrente di Skype. Le due aziende hanno stretto un accordo che comprende iniziative di business e di marketing. Le risorse verranno usate per accelerare lo sviluppo della prossima generazione di soluzioni di comunicazione su scala globale.

Intel offrirà accesso Jajah alla sua rete di rivenditori, clienti OEM e sviluppatori con l’obiettivo di accrescere ulteriormente il loro peso nelle comunità di sviluppo mondiale.

Jajah, in quanto parte del portafoglio di Intel Capital, entrerà a far parte del programma IP Access Program di Intel Capital, avendo così modo di accedere all’ampio portafoglio di brevetti VoIP di Intel.

L’accordo con Jajah non è l’unico investimento di Intel: ieri al Ceo Summit la società ne ha annunciati altri quattro. Il secondo investimento per importanza è quello dei 13,5 milioni di dollari diretti a Tutor.com, il sito di e-learning. E poi ancora Aternity e Ceedo, il software per lavorare con i propri documenti ovunque ci si trovi attraverso una semplice chiaveta USB. Oltre alle cinesi 51.com e Phoenix Microelectronics, che si divideranno due milioni e mezzo di dollari.

Una mossa probabilmente destinata ad intaccare la leadership di Skype, recentemente acquisito da eBay, anch’esso sempre più orientato al mercato business. Anche se le differenze tra i due servizi rendono parziale la concorrenza, visto che Skype offre la connessione diretta tra gli utenti, mentre Jajah si pone soprattutto come centralino.