Car Sharing entra in Confindustria

di Filippo Vendrame

scritto il

Car Sharing sempre più protagonista in Italia con l’entrata ufficiale in ANIASA, l’Associazione Nazionale Industria dell’Autonoleggio e Servizi Automobilistici di Confindustria. La nomina è stata fatta dall’Assemblea dell’Associazione accogliendo le domande di adesione presentate dai tre principali operatori del comparto Car2Go, Enjoy e Twist, cui si aggiunge la già associata ACI Global.

=> Car sharing per PMI: vantaggi e novità, mercato

Il Car Sharing è, in Italia, un settore in forte crescendo. Dall’arrivo in Italia (estate 2013) questa formula di mobilità, molto diffusa nel resto del mondo, ha compiuto un deciso cambio di passo anche in Italia che fino ad allora aveva visto solo iniziative circoscritte. Oggi, a distanza di quasi due anni, sono circa 490.000 gli iscritti al servizio, 5.500.000 i noleggi registrati e la flotta dei veicoli condivisi ammonta a 3.300 unità. Le città in cui attualmente il servizio è presente sono Milano,Roma, Firenze e, più di recente, anche Torino e Verona.

=> Car sharing, diffusione e scenari di mercato

Dati che si vanno a sommare a quelli del noleggio veicoli: fatturato complessivo pari a 5,2 miliardi di euro, flotta circolante di 690.000 veicoli, immatricolazioni annue 269.000 veicoli, entrate fiscali dal noleggio 2 miliardi di euro. Dopo le sezioni “lungo termine”, “breve termine” e “servizi automobilistici”, arriva in ANIASA anche il segmento del “vehicle sharing” che troverà nell’Associazione adeguati strumenti di interlocuzione, analisi e rappresentanza nei confronti dei diversi stakeholder della mobilità e delle istituzioni nazionali e locali.