Telefonia mobile, sperimentazione per Vodafone e Telecom

di Massimiliano Santoro

scritto il

Telefonia mobile: Telecom e Vodafone effettueranno la sperimentazione in pubblico della tecnologia Long Term Evolution a banda ultra larga

LTE ovvero Long Term Evolution. In questo acronimo c’è tutto il futuro della banda larga. Vodafone e Telecom hanno annunciato che avvieranno la sperimentazione in pubblico di questo nuovo servizio.

Inizia Telecom che, fino al 22 febbraio a Torino, farà provare  “le potenzialità offerte dalla rete mobile ultrabroadband di nuova generazione – si legge in un comunicato Telecom Italia – presso il punto vendita TIM di Via Lagrange 20, dove saranno allestite apposite postazioni aperte al pubblico. Le nuove chiavette LTE, già configurate e connesse in modalità ultrabroadband, consentiranno di sperimentare direttamente i servizi in mobilità ad alta velocità come il video streaming in HD, la fruizione di contenuti on demand e la navigazione libera in Internet“.

“Questa iniziativa – spiega Telecom – si inserisce nell’ambito del piano di sviluppo nazionale della rete mobile di nuova generazione per la quale Telecom Italia ha investito 1 miliardo e 260 milioni di Euro per l’acquisizione delle frequenze a 800, 1800 e 2600 MHz, confermando in questo modo la volontà dell’azienda di realizzare reti sempre più moderne e in grado di offrire nuovi servizi tecnologicamente evoluti che rispondono alle esigenze dei cittadini e alla crescente quantità di traffico generata da cellulari, chiavette, smartphone e tablet. L’avvio di questa fase -comunica l’azienda -, che anticipa il lancio commerciale dei servizi basati sulla tecnologia LTE, giunge a conclusione di un percorso che ha visto Telecom Italia impegnata, già dalla fine del 2009, nello sviluppo della nuova rete ultrabroadband e protagonista della prima sperimentazione sul campo a livello mondiale proprio a Torino, città dove ha sede il TILab, il centro di sviluppo e ricerca del Gruppo. Nel corso del 2010 e del 2011 il progetto LTE è proseguito con una serie di test che hanno consentito di mettere a punto le soluzioni tecnologiche e l’interoperabilità tra i diversi elementi di rete”.

A marzo, invece, sarà la volta di Vodafone che ha deciso di effettuare una sperimentazione in ambientazioni sportive: “La sperimentazione partirà dallo stadio di Torino – spiega l’azienda – e toccherà, entro marzo 2012, i principali impianti italiani. Vodafone a tal fine ha predisposto a Torino gli apparati che abilitano la connessione LTE, realizzando un impianto in grado di offrire connessioni prossime alla velocità di 100 Mbps in download e 50 Mbps in Upload. In questa prima fase, il servizio sarà testato durante tutti i principali eventi calcistici della stagione da gruppi selezionati di clienti (utenza amica)-si legge ancora nel comunicato Vodafone-, ai quali Vodafone darà la possibilità di accedere gratuitamente alla connessione super veloce per verificarne sul campo le potenzialità. Un’anteprima assoluta, che rappresenta il primo passo di Vodafone verso l’innovazione 4G”.

Infine: “Vodafone ha scelto di puntare sulla tecnologia LTE, investendo oltre 1 miliardo di euro nella recente asta per le frequenze, con la volontà di contribuire alla nascita di una nuova esperienza del mobile internet, fatta di servizi e applicazioni innovative che potranno sfruttare appieno una velocità di connessione pari, se non addirittura superiore, a quella normalmente sperimentata all’interno delle abitazioni”.

I Video di PMI