Italia: in 30 milioni sul Web ma ultimi tra i paesi digitali

di Alessandro Vinciarelli

scritto il

Il Connectivity Scorecard della London Business School posiziona l'Italia all'ultimo posto tra i paesi "digitali" in quanto a uso di nuove tecnologie, mentre Audiweb segnala il raggiungimento di oltre 30 mln di italiani sul Web

Ancora una volta l’Italia sfigura per utilizzo di Internet,nuove tecnologie, banda larga ed e-inclusion, posizionandosi ultima nella classifica della London Business School, nonostante i dati diffusi da Audiweb segnalino il superamento della soglia dei 30 milioni di italiani sul Web.

Il Connectivity Scorecard determina il livelli di competenza tecnologica e l’uso delle ICT. L’Italia si colloca al 19esimo posto, quasi defenestrata dal G7 digitale.

La motivazione di tanta arretratezza italiana non è da attribuirsi all’infrastruttura per i clienti privati, che presenta buoni tassi di abbonamenti 3G, quanto alla penetrazione della banda larga ritenuta troppo bassa e all’utilizzo di Internet da parte dei consumatori che si può considerare al massimo moderato.

Questo, anche se Audiweb segnala una crescita di +10,4% di Italiani sul Web rispetto al 2008, arrivando a quota 30,863 milioni. Navigano su internet il 93,7% degli imprenditori e liberi professionisti, ma solo il 38,2% degli italiani occupati si collega dal luogo di lavoro e ufficio.

Il 9% degli Italiani si collega mediante dispositivi mobili, per una crescita del +47,5%.

Interessanti le risposte di coloro che navigano solo occasionalmente: accederebbe ad Internet più frequentemente se costasse meno il 29,1% degli intervistati, soprattutto da cellulare per il 10,6% o se fosse più veloce per il 18,4%.

I Video di PMI

Guida ISEE: compilazione DSU