Tratto dallo speciale:

Migrare da AS/400 a Cloud: vantaggi e soluzioni per modernizzare i sistemi legacy

di Redazione PMI.it

scritto il

Le nuove tecnologie rappresentano una leva per far crescere il business: GFT Italia ci illustra gli aspetti strategici per cui conviene migrare da AS/400 a Cloud.

Business e Cloud rappresentano oggi un binomio vincente, una sinergia in grado di generare vantaggi sia per le aziende già consolidate, sia per le realtà più giovani che possono cogliere le migliori opportunità offerte dalle tecnologie digitali per competere efficacemente sul mercato.

La spesa per il Cloud è destinata ad aumentare notevolmente in futuro, tanto da superare gli investimenti nelle risorse informatiche tradizionali. Secondo Gartner, ad esempio, entro il 2025 oltre la metà delle aziende avrà compiuto la migrazione verso la “Nuvola”. La digitalizzazione rappresenta quindi una potente leva per la crescita e il passaggio alle nuove tecnologie non può più rappresentare una scelta opzionale.

Ma in che modo il Cloud permette di supportare concretamente il business? Ne abbiamo parlato con gli esperti di GFT Italia, pioniere della trasformazione digitale e promotore di soluzioni sostenibili che consentono un accesso facile e sicuro alle applicazioni IT scalabili.

La digitalizzazione significa in parole povere la conversione di processi, dati, funzioni destrutturati o manuali in qualcosa di automatizzato ed integrato per renderli disponibili, ad esempio, attraverso interfacce utente multicanale (es. web, social, mobile ecc.). Il processo di digitalizzazione, sempre più necessario per svariate ragioni logistiche e di business, comporta il dotarsi di un’infrastruttura e di componenti software specifici con tutto quello che ne consegue in termini di impegno economico e di tempo per renderli operativi. Attraverso le partnership che abbiamo con Google Cloud offriamo ai nostri clienti piattaforme digitali che permettono loro di essere più efficienti, agili e intelligenti. Tutto questo migliora i loro processi interni per rispondere ai cambiamenti del mercato.

Le suddette piattaforme mettono a disposizione tutti gli strumenti necessari, che software, per facilitare la trasformazione digitale. Ovviamente questo implica un processo di aggiornamento delle competenze interne e di formazione. Il tempo necessario per ottenere i primi risultati si comprime drasticamente ed il risultato finale sarà anche superiore alle aspettative iniziali. Ad esempio, la predisposizione di piattaforme o infrastruttura si traduce in una configurazione e banalizzando pochi click. Lo sviluppo delle applicazioni è facilitato dalla presenza di componenti e di tecnologie out-of-the-box e pronte all’uso che minimizzano i tempi del ciclo di vita software (dallo sviluppo ai processi di deploy).

Flessibilità e risparmio energetico: i vantaggi del Cloud

Vero e proprio acceleratore digitale, il Cloud garantisce maggiore elasticità nella gestione dei carichi e dei picchi di lavoro, riducendo i tempi di lavorazione dei dati e ottimizzando i costi. Quali sono le ricadute sul bilancio aziendale in un momento storico che vede il prezzo dell’energia aumentare in modo considerevole?

Per gestire i carichi di lavoro in modo tradizionale, cioè ospitando i server nel proprio data center, il dimensionamento delle macchine deve essere fatto considerando i picchi di lavoro. Questo comporta il fatto di avere macchine sovradimensionate per la maggior parte del tempo in cui vengono utilizzate, con tutto quello che comporta anche per il consumo di energia. L’adozione di una situazione basata su infrastruttura Google Cloud permette di dimensionare le macchine sulla soglia di utilizzo “standard”, per poter poi scalare verso l’alto nel momento in cui si verificano situazioni di picco. Questo comporta, in generale, un risparmio dei consumi di energia e di conseguenza dei costi grazie alla flessibilità nel dimensionamento delle risorse.

IBM AS/400: a che punto siamo in Italia?

Il tessuto economico italiano è caratterizzato soprattutto da PMI, molte delle quali utilizzano ancora la tecnologia AS/400, una risorsa certamente solida e affidabile ma ormai datata. Quali sono i principali limiti di questa soluzione?

Anche se l’AS/400 è tuttora considerata una soluzione sicura ed affidabile, alcuni dei limiti della piattaforma sono i seguenti: il costo elevati dell’hardware che viene proposto in configurazione multiprocessore (4-6 core) anche quando non dovesse essere necessario. Questo comporta un aggravio dei costi anche per le licenze software che sono legate al numero dei core. Lo storage che deve essere dimensionato, sin dal primo giorno, alla capienza necessaria a tendere; i costi elevati da sostenere per avere una soluzione in alta affidabilità; la difficoltà di reperimento delle risorse con competenze specifiche sul mondo AS400.

Migrare al Cloud: il nodo delle competenze

Il passaggio al Cloud richiede inevitabilmente un adeguamento delle competenze e un aggiornamento delle skills: questo potrebbe rappresentare un ostacolo per le imprese?

No, anzi è esattamente il contrario. Il passaggio all’infrastruttura Cloud apre le porte ad un mercato di risorse che è ampio. Il Cloud oggi è allo stato dell’arte per cui è facile trovare skills necessarie per gestirlo a costi di mercato. Con Google Cloud si possono sviluppare ed eseguire applicazioni utilizzando software open source e altri software senza coinvolgere il personale operativo. Le competenze su AS/400 per la gestione operativa e per la manutenzione correttiva ed evolutiva del sistema informativo (Linguaggi RPG, Cobol, CL), invece, sono sempre più rare e di conseguenza costose.

Dall’AS/400 a Cloud: strategie e soluzioni a portata di PMI

Per sostenere le imprese nel passaggio al Cloud, GFT Italia in collaborazione con INFINITE e Google Cloud propone una soluzione di migrazione da sistema AS/400 al Cloud veloce, economica e in grado di generare numerosi benefici per le aziende di tutte le dimensioni.

Il passaggio al Cloud porta con sé un numero elevato di vantaggi. A parte il contenimento dei costi più o meno marcato a seconda della situazione in cui ci troviamo, garantisce elasticità e flessibilità nella gestione dei carichi di lavoro e di impegno dello storage. Garantisce nativamente l’alta affidabilità per come il cloud stesso è stato progettato. Permette l’evoluzione dei sistemi sfruttando le tecnologie moderne senza dover ricorrere sempre e comunque a competenze e skill sempre più rare. Ma soprattutto tutto quello che oggi è possibile fare con i dati senza dover avere in casa un’infrastruttura dedicata, con l’opportunità di avere un’integrazione nativa con data lake open e sfruttare i sistemi evoluti di Intelligenza Artificiale e Machine Learning disponibili sulle piattaforme cloud. E attenzione al tema Container (Docker, Kubernetes) che presto diventeranno lo standard.

La proposta Application System/400 verrà raccontata da GFT Italia e dalle due aziende partner durante il webinar nazionale “Dall’AS/400 al Cloud: Fast modernization dei tuoi sistemi legacy”, in programma giovedì 14 aprile 2022, dalle ore 16.30 alle ore 18.00. Per saperne di più iscriviti al webinar compilando il form online