Timbri digitali per il documento cartaceo

di Andrea Spiezia

scritto il

Il documento elettronico si diffonde rapidamente in molte strutture pubbliche. Ma spesso si rende necessario il passaggio dal formato elettronico a quello cartaceo. Intervengono i timbri digitali

La firma digitale è stata individuata dal “Codice dell’amministrazione digitale” del 7/03/2005 come la soluzione ai problemi di non modificabilità, integrità e non ripudio dei documenti elettronici.
Il riconoscimento dell’autenticità di un documento cartaceo, invece, è stato storicamente sempre basato su elementi quali il tipo di carta filigranata, inchiostri speciali, timbri e firma autografa. Il problema nasce quando si deve passare dal documento in formato elettronico a quello in formato cartaceo. Quando un documento elettronico è stampato, infatti, tutti gli attributi dati dalla firma digitale sono definitivamente persi, quindi il documento stampato necessita nuovamente di essere autenticato con i tradizionali metodi, perdendo così i vantaggi di essere nato in formato elettronico e di essere stato firmato in maniera digitale. Per risolvere questo inconveniente sono state avanzate numerose soluzioni, ma tra tutte quelle proposte quella che riscuote i maggiori consensi e che si sta diffondendo più rapidamente è quella dei cosiddetti timbri digitali.

Tale problema si evidenzia soprattutto negli ambiti in cui sono frequenti i passaggi dal formato elettronico a quello cartaceo: è questo il caso della Pubblica Amministrazione e del rapporto tra questa e i suoi utenti (cittadini e imprese). In particolare, possiamo identificare diversi casi pratici come ad esempio il rilascio di documenti ufficiali quali abilitazioni, permessi di soggiorno, concessioni, autorizzazioni, visti, nulla osta, certificati anagrafici o di residenza, certificati di proprietà di veicoli, licenze, visure catastali e commerciali. Oppure ricevute di pagamento come, ad esempio, transazioni online, ricevute di bonifici, estratti conto contributivi, pagamenti di tasse e imposte online, abbonamenti o iscrizioni a servizi pubblici.

È forte l’esigenza di proteggere tali documenti in tutte le fasi del loro ciclo di vita, indipendentemente dal supporto utilizzato sia esso cartaceo o elettronico. Nella soluzione al problema proposta con i timbri digitali il documento elettronico firmato è trasformato in un codice grafico bidimensionale capace di contenere l’intero documento e la sua firma digitale. Ovviamente il timbro digitale deve stampare tali informazioni in una maniera codificata e leggibile da strumenti elettronici. Questo accorgimento permette anche di realizzare documenti cartacei che riportino stampate, e leggibili, solo le informazioni pubbliche del documento, mantenendo tutte le informazioni riservate e/o sensibili crittografate all’interno dello stampato. L’accesso a queste informazioni sarà consentito solo a coloro che hanno le necessarie autorizzazioni.