Mobile user: identikit e trend

di Noemi Ricci

scritto il

L'identikit del mobile user italiano: analisi delle tendenze ed abitudini utili per la definizione di strategie di marketing efficaci.

L’innovazione tecnologica passa in maniera imprescindibile anche per il Mobile tanto che smartphone & Co. sono oggi strumenti aziendali a tutti gli effetti. Uno scenario da considerare in fase di definizione di strategie di marketing efficaci.

=> Mobile Marketing: le strategie migliori

Mobile Survey

A confermare l’importanza dello smartphone, visto da 6 Italiani su 10 come un assistente personale tascabile del quale si non può fare a meno, è la ricerca Deloitte “Global Mobile Consumer Survey 2017” che ha visto coinvolti 33 Paesi tra i principali al mondo, per analizzare le tendenze relative alle abitudini e comportamenti degli utenti connessi tramite smartphone.

L’Italia continua ad essere al di sopra della media europea per l’acquisto online di prodotti e di servizi via smartphone e tra gli utenti mobile. Gli italiani sono tra i più assidui utilizzatori in Europa delle funzionalità di predizione del testo (23% degli intervistati), di suggerimento di itinerari (18%) e di ricerca vocale (18%).

Ecco alcuni trend:

  • il 20% non può fare a meno della ricerca vocale (il 49% per ricercare informazioni, il 48% per chiamare un contatto della rubrica);
  • il 36% ammette di esagerare con l’uso: il 27% la sera, il 20% in famiglia e il 13% a lavoro, scuola o università.
  • il 40% rimedia silenziando le notifiche (più del 30% dei giovani) o spegnendo il telefono durante la notte (42% degli over 65).

=> Mobile banking per un terzo dei correntisti

Pagamenti mobile

Un italiano su cinque utilizza lo smartphone per pagare i trasporti pubblici e il parcheggio e più di uno su tre per effettuare transazioni bancarie di vario genere.  A frenare gli acquisti mobile, nel 30% dei casi, è la difficoltà a considerare il telefono un mezzo sicuro.

Nonostante questo freno diffuso, anche in tema di acquisto online di prodotti e servizi (53% e 37% rispettivamente) l’Italia si colloca al di sopra della media europea. Sono poi sempre più frequenti i pagamenti via smartphone nei negozi, con un trend di crescita ancora una volta guidato dagli italiani fra i 25 e 44 anni (45%).

A farsi sempre più strada c’è anche il mobile banking: nel 51% dei casi utilizzato per controllare il saldo bancario, nel 30% per trasferire denaro in Italia e all’estero (22%, primo posto a livello europeo.

IoT

Cresce in Italia l’utilizzo di dispositivi intelligenti per svago (24%), auto (9%) e casa (7%), con un boom per le Smart TV: +17% rispetto allo scorso anno. Il nostro Paese si dimostra il più propenso in Europa all’acquisto di dispositivi intelligenti connessi per la casa: il 17% per sistemi di sorveglianza, il 12% per elettrodomestici e termostati, il 11% per sistemi di illuminazione.

Condivisione mobile

Lo smartphone si conferma, infine, lo strumento principe per la condivisione, con oltre l’80% degli italiani che condividono mediante app di messaggistica (percentuale che sale al 95% tra i giovani), con Whatsapp  a farla da padrone in Italia con il 93% di preferenze e una crescita di 10 punti percentuali nell’ultimo anno. Sempre più diffuso inoltre il live streaming sui social, con il 40% degli intervistati lo utilizza.

I Video di PMI

Digitale Business: la classifica delle innovazioni