Tratto dallo speciale:

Vaccino Covid: le nuove priorità nelle Regioni

di Barbara Weisz

scritto il

Nelle Regioni nuove priorità del piano vaccini Covid: prenotazioni in aggiornamento, aperte per over 70, sospese prime dosi insegnanti, niente deroghe.

Ci sono Regioni che hanno subito recepito la nuova ordinanza sui vaccini, altre che non si sono pronunciate, e non manca chi dichiara un proprio ordine di somministrazioni innescando il dibattito. La nuova ordinanza del Commissario per l’Emergenza Covid, infatti, non soltanto recepisce il parere AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco) in base al quale il siero AstraZeneca va preferibilmente somministrato a chi ha più di 60 anni, ma prevede una regola stringente sulle priorità, ora solo per età e soltanto a seguire anche per categoria. E le Regioni sono tenuta a rispettare il nuovo calendario.

Il nuovo calendario Covid

  1. Persone con più di 80 anni: ci sono Regioni che stanno terminando questa fase in questi giorni, e altre ancora che invece sono indietro. In ogni caso, il piano nazionale prevede che questa fascia di età abbia la priorità assoluta.
  2. Persone con elevata fragilità, caregiver e familiari conviventi. Le persone con elevata fragilità sono precisamente individuate dal piano vaccinale, pubblicato sul portale del ministero della Sanità. In estrema sintesi, le elevate fragilità riguardano specifiche malattie respiratorie, cardiovascolari, neurologiche, diabete, fibrosi cistica, insufficienza renale, malattie autoimmuni, malattie epatiche, malattia cerebrovascolari, patologie oncologiche, emoglobinopatie, sindrome di Down, trapianto di organo solido e di cellule staminali emopoietiche, grave obesità, HIV. Per ognuna di queste voci, il piano dettaglia quali specifiche patologie sono comprese nella categorie delle elevate fragilità ai fini del diritto al vaccino. Hanno la priorità anche i caregiver delle persone con elevata fragilità e i familiari conviventi.
  3. Persone fra i 70 e i 79 anni e a seguire fra i 60 e i 69 anni.

Per quanto riguarda le altre categorie fin qui comprese nelle prime fasi della vaccinazione (come gli insegnanti, le forze dell’ordine e via dicendo), viene garantita la seconda dose a chi ha già fatto la prima, in base agli appuntamenti già presi e con lo stesso vaccino già somministrato (quindi AstraZeneca). Negli altri casi, invece, queste categorie non hanno più la precedenza rispetto al criterio anagrafico e pertanto è ufficiale lo stop alla categoria in quanto tale.

=> Vaccino Covid, ecco come prenotarsi in ogni Regione

Cosa cambia nelle Regioni

Ci sono Regioni che hanno sospeso le prenotazioni o le somministrazioni per le categorie non più prioritarie (es.: personale Scuola e Università), ad esempio il Veneto. Ed anche in Liguria, dove sono state perfino congelate le prenotazioni già effettuate da parte delle categorie professionali prioritarie (insegnanti e forze dell’ordine). Molte non hanno invece aggiornato le regole (tanti portali continuano a consentire la prenotazione da parte delle categorie professionali), ma sembra possibile immaginare si tratti di normali tempi di adeguamento alle nuove regole. Quasi tutte hanno intanto aperto le prenotazioni per gli over 70 ed alcun per gli over 60 (es.: Lazio). Va segnalata la presa di posizione della Campania, il cui presidente Vincenzo De Luca ha dichiarato di voler vaccinare in parallelo agli over 70 anche con il personale del turismo, con l’obiettivo di preparare adeguatamente la stagione estiva.

Il commissario Figliulo risponde a stretto di giro di posta e ribadisce che «la campagna vaccinale deve proseguire in modo uniforme a livello nazionale, senza deroghe ai principi che la regolano». Quindi prima gli anziani e le persone fragili, poi le categorie produttive. «Più celermente si concluderà questa fase, prima si potrà procedere a vaccinare le categorie produttive». La ratio era già stata spiegata dal premier Mario Draghi e dal presidente del CTS Franco Locatelli: la campagna vaccinale è più efficace se procede per età, consentendo così di riaprire più rapidamente l’economia.

Quale vaccino si somministra

AstraZeneca viene consigliato soprattutto sopra i 60 anni ma non on c’è alcun vincolo stringente, il siero è utilizzabile per tutti i maggiorenni. Tuttavia, in considerazione dei casi (rarissimi) di decessi per eventi trombotici successivi alla prima dose, è stata individuata la popolazione over 60 come fascia preferenziale, visto che sopra questa età gli eventi sono più rari che nella popolazione generale.

=> Come disdire una prenotazione per vaccino COVID?

La prima considerazione è che il cambio di orientamento consente di vaccinare più velocemente per età. All’inizio il siero AstraZeneca era stato previsto solo fino a 55 anni, e per questo nel piano vaccinale era stato prevista una sorta di fase 1 bis che introduceva le categorie prioritarie (come gli insegnanti). Successivamente, è stato ammesso anche per fasce di età più avanzate (sempre esclusi gli over 80, ai quali sono stati destinati Pfizer e Moderna, così come alle persone ad elevata fragilità), ma è continuata la campagna vaccinale sul doppio binario (età anagrafica e categorie prioritarie). Ora il Governo ha chiaramente indicato che queste due fasi non possono più proseguire in parallelo: prima si vaccinano gli anziani e poi le categorie professionali. Una seconda considerazione riguarda il modo in cui è formulata l’ordinanza, che sembra comunque riservare Pfizer e Moderna ad over 80 e ultra fragili. In questo caso, però, non è chiaro come intendono procedere le Regioni.

Ricordiamo anche che nelle prossime settimane (prime consegne a fine aprile), iniziano le vaccinazioni con un altro siero, quello di Johnson & Johnson, che richiede una sola dose.

Come procede la campagna

Infine, gli ultimi dati sull’andamento della campagna vaccinale. In base ai dati del Ministero della Salute, sono state somministrate oltre 13 milioni di dosi: le persone immunizzate con entrambe le dosi sono quasi 4 milioni, mentre sono circa 5 milioni coloro che hanno ricevuto solo la prima dose. Vediamo come sta andando con riferimento alle priorità della campagna vaccinale.

  • Popolazione over 80: 4,6 milioni di somministrazioni. In base al report del Governo (al 10 aprile) mancano all’appello 1,4 milioni soggetti che non hanno ancora ricevuto nemmeno la prima dose (il 31,8% del totale), in pratica quasi un terzo. Le Regioni più indietro su questo fronte sono la Calabria (la metà è in attesa di prima dose) e la Liguria (oltre il 40%). Le più virtuose Basilicata, Veneto e provincia di Trento (sotto il 20%) seguite da Emilia Romagna, Lombardia, Marche, Molise, provincia di Bolzano (20-25% in attesa di prima dose).
  • Fascia 70-79 anni: 6 milioni di somministrazioni ma l’80% aspetta ancora la prima dose. Fanalini di coda Basilicata, Lombardia, Puglia e Umbria, con più del 90%. Più avanti il Veneto (62%), seguito da Toscana (68%), Lazio e provincia di Trento (entrambe intorno al 70%).