Tracciabilità rifiuti: ViviFIR in attesa del passaggio da SISTRI a RENTRI

di Redazione PMI.it

scritto il

In funzione il nuovo applicativo ViViFir per la vidimazione virtuale dei formulari di identificazione rifiuti, in attesa del RENTRI.

Un tempo era il SISTRI. Mai entrato a regime e foriero di infinite polemiche tra sanzioni inutili e disservizi a carico dei soggetti coinvolti degli obblighi di tracciabilità dei rifiuti. Al suo posto è atteso il nuovo sistema informatico RENTRI (Registro Elettronico Nazionale per la Tracciabilità dei Rifiuti), ma nel frattempo che procedono i lavori per la definizione del prototipo sperimentale, dalle Camere di Commercio è arrivato un nuovo servizio per la vidimazione virtuale dei formulari di identificazione.

Si tratta di una semplificazione introdotta dal dlgs 116/2020 e con valore transitorio (non sostituisce la procedura cartacea ma ne costituisce una alternativa), fino all’entrata in vigore del nuovo RENTRI.

Lo strumento in questione si chiama Vi.vi.FIR (Vidimazione Virtuale FIR e dal primo marzo 2021 si può utilizzare al posto della procedura cartacea di vidimazione dei FIR prestampati. Previa registrazione e senza alcun costo. Basta il QR-code generato online attraverso il portale vivifir.ecocamere.it (utilizzando il il numero univoco del formulario) oppure interfacciandosi tramite i propri gestionali, che potranno richiedere l’emissione dell’identificativo unico da apporre sul FIR.

I FIR in PDF prodotti attraverso il portale  contengono l’identificativo in chiaro e riportano nel QR code le informazioni estese ivi contenute. Gli identificativi univoci saranno archiviati nell’area riservata del portale e associati all’impresa, per consentire la verifica dell’attività ed eventualmente richiedere il blocco all’emissione di nuovi identificativi, ma anche per annullare uno o più formulari.

L’accesso deve essere effettuato da una persona fisica tramite la propria identità digitale (CNS, SPID, CIE), indicando poi l’impresa o l’ente per conto della quale intende operare:

  • nel caso di impresa il sistema verifica sul Registro Imprese che la persona abbia titolo a rappresentarla;
  • nel caso di ente viene inviata richiesta di conferma della delega all’indirizzo in Indice PA.

I Video di PMI