SISTRI

Dal 1 gennaio 2019, il SISTRI (Sistema di Controllo della Tracciabilità dei Rifiuti) non è più operativo (come disposto dall’articolo 6 del decreto legge 14 dicembre 2018, n. 135).

Volto ad attuare una semplificazione del processo di gestione rifiuti (ospedalieri, urbani, speciali e pericolosi), è stato in vigore dal primo ottobre 2013 (cominciando dai rifiuti pericolosi) al 31 dicembre 2018.

Nato per rendere trasparente il ciclo di distruzione dei rifiuti, in realtà non hai mai centrato le aspettative. Motivo per cui il sistema è stato smantellato, in attesa di essere sostituito da un nuovo e più efficace strumento.

Segui le novità e gli aggiornamenti sulla normativa, i sistemi alternativi e il pagamento dei contributo SISTRI su PMI.it.

Tutti gli articoli

MUD 2019 in attesa del SISTRI 2.0

In attesa dell’operatività del Registro Elettronico Nazionale per la tracciabilità dei rifiuti, bisogna compilare il MUD 2019: le novità post SISTRI.

Decreto semplificazioni: addio SISTRI dal 2019

Garanzie per le PMI creditrici della PA con prestiti in sofferenza, abrogazione SISTRI dal 2019, ricambio generazionale nella PA: le principali misure nel decreto semplificazioni in arrivo.

SISTRI, pagamenti e proroga

Le novità previste dalla Legge di Bilancio 2018 e dal Dpcm 28 dicembre 2017 in tema di SISTRI e gestione dei rifiuti.

Sanzioni SISTRI: la proroga 2018

Emendamenti alla Legge di Bilancio chiedono proroga al 31 dicembre 2018 delle sanzioni SISTRI e lo stop a quelle per omessa iscrizione o mancato pagamento.

MUD 2017: procedura e scadenza

Ancora un anno di doppio binario SISTRI-MUD, il Modello Unico di Dichiarazione Ambientale va inviato entro il 2 maggio: i dettagli.