L?omicidio stradale è reato

di Teresa Barone

scritto il

Si del Senato all?introduzione del reato di omicidio stradale: novità, sanzioni, aggravanti.

Con l’approvazione del Senato entra in vigore il reato di omicidio stradale, grazie a 149 voti favorevoli, 3 no e 15 astensioni.

=> Patente di guida e nuovi divieti

La normativa prevede pesanti sanzioni penali per chi commette questo tipo di reato, pene che dipendono trai tre livelli di gravità stabiliti dalla legge:

– pena da 2 a 7 anni di reclusione se la morte è causata da una violazione del codice della strada;

– da 8 a 12 anni di carcere per chi causa la morte di una persona guidando in stato di ebbrezza grave (tasso alcolemico superiore a 1,5 grammi per litro) o sotto effetto di droghe;

– reclusione da 5 a 10 anni per chi commette il reato con tasso alcolemico superiore a 0,8 g/l oppure a causa di una condotta pericolosa (eccesso di velocità, sorpassi a rischio ecc…).

Sono previste anche alcune aggravanti per i conducenti che fuggono non prestando soccorso dopo l’incidente, come anche in caso di morte di più di una persona (aumento di pena da un terzo a due terzi).

Ad aumentare sono anche le sanzioni per chi guida in stato di ebrezza o dopo aver fatto uso di droga, condannabili per lesioni gravi o gravissime con la reclusione da 3 a 5 anni e da 4 a 7 anni.

=> Novità sul rinnovo della patente

La revoca della patente è comunque prevista in caso di condanna o patteggiamento per omicidio ma anche per lesioni stradali (il nuovo documento potrà essere ottenuto solo dopo 15 anni (in caso di omicidio) o 5 anni (per lesioni) salvo aggravanti (omissione di soccorso) che allungano il tempo di attesa fino a 30 anni dalla revoca.

I Video di PMI

Google Analytics: attenzione alla Frequenza di Rimbalzo!