Cartelle Equitalia a rate: domande entro il 31 luglio

di Teresa Barone

scritto il

Equitalia ammette il pagamento a rate delle cartelle come previsto dal Decreto Irpef: ecco limiti e modalità di richiesta.

C?è tempo fino al 31 luglio per richiedere la rateizzazione delle cartelle di Equitalia, beneficiando di una chance concessa ai contribuenti che sono in regola con i pagamenti alla data del 22 giugno 2013.

=> Scopri come verificare online l?esistenza di cartelle esattoriali a proprio carico

Come annuncia Equitalia, il Decreto Irpef ha stabilito la possibilità di richiedere la suddivisione degli importi dovuti fino a un massimo di 72 rate da versare in 6 anni. Ci sono tuttavia alcuni limiti imposti ai contribuenti: il nuovo piano non consente proroghe e sarà annullato nel caso in cui non verranno versate due rate, anche non consecutive (in precedenza si perdeva il beneficio della rateizzazione in caso di mancato pagamento di 8 rate).

«Dalle nostre stime emerge un importo di circa 20 miliardi di euro che potrebbe essere rimesso in rateizzazione – afferma Benedetto Mineo, AD di Equitalia – Il provvedimento va incontro alle esigenze dei contribuenti in difficoltà, che possono usufruire di nuove condizioni favorevoli per i pagamenti, garantendo al contempo il recupero degli importi dovuti all?Erario, all?Inps, ai Comuni e ai vari enti pubblici creditori».

=> Leggi perché Roma ha sostituito Equitalia con Aequa Roma

Per richiedere la rateizzazione è necessario scaricate i moduli dal sito web di Equitalia (sezione “Rateizzare?) o recarsi presso gli uffici di Equitalia dislocati su tutto il territorio nazionale.

Equitalia ha anche pubblicato una sorta di vademecum per i contribuenti illustrando le varie possibilità di rateizzazione, e i requisiti necessari.

I Video di PMI

SPID: Guida al rilascio dell’identità digitale