Riforma PA: decreto in vigore

di Teresa Barone

scritto il

Pubblicato in GU il decreto sulla Riforma della Pubblica Amministrazione.

Con la firma da parte del Presidente della Repubblica e la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, diventa attivo a tutti gli effetti il decreto sulla Riforma della Pubblica Amministrazione.

=> Scopri la consultazione pubblica sulla Riforma della PA

Le “Misure urgenti per la semplificazione e la trasparenza amministrativa e per l’efficienza degli uffici giudiziari?, redatte in 53 articoli, sono quindi pienamente operative e portano alcune novità importanti soprattutto per il pubblico impiego.

Per quanto riguarda il ricambio generazionale, viene abolito a partire dalla fine di ottobre l?istituto del trattenimento in servizio utilizzato per protrarre la carriera dei dipendenti pubblici oltre la pensione: una eccezione è rappresentata dai magistrati (fino al 31 dicembre 2015) e dai militari. Attraverso questa normativa viene favorite l?assunzione di forza lavoro giovanile (il Premier Matteo Renzi annuncia 15mila nuovi posti di lavoro).

Il decreto sancisce l?obbligo di mobilità per gli statali fino a 50 chilometri, introducendo limiti per il turn over (20% delle uscite per le PA centrali nel 2014, 40% per il 2015, 60% per il 2016 e 80% per il 2017).

I permessi sindacali vengono ridotti del 50% dal primo settembre, mentre la percentuale sulle spese legali per gli avvocati dello Stato passa dal 75% al 10%.

=> Leggi il programma del Ministro Madia per combattere il precariato

La nuova legge, infine, attribuisce all’Authority Anticorruzione i poteri dell’Autorità di vigilanza sui servizi pubblici.