Salvi gli scatti di stipendio dei docenti

di Teresa Barone

scritto il

Arriva il si del CdM al decreto legge che pone fine alla spinosa questione relativa agli scatti retributivi degli insegnanti.

Gli insegnanti non dovranno restituire gli scatti retributivi concessi al personale scolastico nel 2013: arriva la conferma definitiva con il si del Consiglio dei Ministri al decreto legge che mette nero su bianco lo stop alla restituzione degli importi percepiti erroneamente.

=> Leggi la polemica sui prelievi in busta paga per gli insegnanti

Ammontano a 52mila, non solo docenti ma anche personale Ata, i lavoratori della scuola che potranno contare non solo sugli scatti stipendiali ricevuti nel corso dell?anno da poco passato, ma anche mantenere il livello retributivo acquisito.

Il decreto, infatti, stabilisce che coloro che hanno acquisito un livello superiore nel 2013 ? grazie alle retribuzioni ottenute nei 12 mesi ? potranno mantenere la classe attuale evitando retrocessioni.

=> Scopri le novità del Decreto Istruzione

L?articolo 1 del decreto afferma infatti: «Non sono adottati i provvedimenti di retrocessione a una classe stipendiale inferiore del personale scolastico interessato dalla predetta sessione negoziale che ne abbia acquisita una superiore nell’anno 2013 in virtù dell’anzianità economica attribuita nel medesimo anno».

=> Leggi perché l?Ocse ha bocciato il programma italiano per la scuola digitale