Spending Review: salve auto blu e stipendi d?oro

di Teresa Barone

scritto il

Gli ultimi emendamenti al Decreto del Fare che modificano la Spending Review limitando i tagli alle auto blu e ai super-stipendi dei manager pubblici.

Niente riduzione del 50% delle spese per le auto blu nelle società controllate dallo Stato: lo sancisce un emendamento al Decreto del Fare che modifica quanto stabilito dalla Spending Review.

=> Scopri i tagli alle auto blu previsti dalla Spending Review

Secondo quanto deciso dalle commissioni Bilancio e Affari costituzionali della Camera, infatti, vengono apportate modifiche alla norma che inizialmente imponeva le PA e le società controllate dallo Stato a effettuare spese per le auto blu (acquisto, manutenzione, noleggio, esercizio di autovetture, acquisto di buoni taxi) non superiori al 50% dei costi sostenuti nell?anno 2011.

«Le previsioni e i termini ivi previsti non si applicano alle società quotate e alle loro controllate».

=> Leggi le novità contenute nel Decreto del Fare

Altre novità arrivano in materia di compensi degli Amministratori Pubblici, che in alcuni casi non dovranno adeguarsi al rispetto del tetto massimo imposto ai loro super-stipendi (non superiore al trattamento economico del primo Presidente della Cassazione): sono esenti da questa regola i manager delle società non quotate che svolgono servizi di interesse generale erogando “servizi in favore dei cittadini” (si parla di Poste, Ferrovie dello Stato, ad esempio), i quali saranno remunerati tenendo conto sia delle migliori pratiche internazionali sia dei risultati aziendali.

=> Scopri le linee guida del Governo Letta

A slittare, infine, è anche il termine concesso alle Regioni e ai Comuni per recedere dai contratti di affitto: la scadenza si sposta dal 31 dicembre 2012 al 31 dicembre 2013. Per quanto concerne i contratti pubblici sottoscritti dalla PA, invece, arrivano nuove semplificazioni secondo le quali la documentazione di idoneità dovrà essere acquisita attraverso la Banca Dati Nazionale dei Contratti Pubblici.

I Video di PMI