Agenzia delle Entrate: semplificati 65 moduli fiscali

di Teresa Barone

scritto il

Le semplificazioni toccano anche i modelli fiscali emessi dall?Agenzia delle Entrate: modulistica più chiara e comprensibile per i contribuenti.

65 modelli fiscali semplificati e resi maggiormente comprensibili per i contribuenti, al fine agevolare gli adempimenti dei cittadini agli obblighi fiscali: questa l?ultima iniziativa dell?Agenzia delle Entrate, che segue di poco il lancio di un canale YouTube nato per offrire sostegno online, e che si allinea alla politica messa in atto attualmente per limitare gli adempimenti non necessari.

Un intervento di semplificazione che coinvolge i modelli fiscali più usati dai cittadini e che riguarda la stessa modalità di comunicazione tra l?Agenzia delle Entrate e i contribuenti. Tra la modulistica resa più semplice compare la domanda di rimborso Irpef, come anche il modulo per ottenere una copia della dichiarazione dei redditi.

Un linguaggio semplificato caratterizza anche la nuova mediazione tributaria e il modello per chiedere la registrazione dei contratti di locazione, unitamente al modulo per comunicare l?Iban per gli enti beneficiari del 5 per mille e la richiesta di certificato di partita Iva. Nel comunicato stampa ufficiale dell?Agenzia delle Entrate, che cita tutti i 65 moduli oggetto di procedure semplificative, si legge così:

«Linguaggio più chiaro e istruzioni più semplici nelle lettere del Fisco e nei modelli maggiormente utilizzati dai contribuenti. L?Agenzia delle Entrate ha riscritto 65 documenti, tra cui, ad esempio, la domanda di rimborso Irpef, quella per ottenere una copia della dichiarazione dei redditi e la richiesta di annullamento degli atti non fondati. Comunicazioni con linguaggio semplificato anche per la nuova mediazione tributaria, gli avvisi di accertamento, la lettera per la comunicazione dell?Iban per gli enti beneficiari del 5 per mille e per il modello utilizzato per chiedere la registrazione dei contratti di locazione. L?iniziativa parte dal presupposto che un linguaggio più semplice agevola gli adempimenti da parte dei contribuenti. La semplificazione del linguaggio integra l?attività di riduzione degli adempimenti attualmente in corso.»