Tratto dallo speciale:

Aumento retribuzioni nella PA: ecco gli importi

di Redazione PMI.it

scritto il

Gli incrementi retributivi previsti dalla Legge di Bilancio 2020 per i dipendenti pubblici: circa 90 euro al mese ma non per tutti.

La Legge di Bilancio prevede aumenti di stipendio anche per i dipendenti della PA, parimenti beneficiari dei colleghi del settore privato degli incrementi in busta paga dovuti al taglio del cuneo fiscale, stabilito dalla manovra.

L’aumento di stipendio, tuttavia, secondo le stime effettuate da Unsa-Confsal sarà inferiore a quello annunciato inizialmente e non supererà i 90 euro mensili. Stando alle simulazioni, infatti, nel pubblico impiego gli incrementi arriveranno a 87 euro al mese.

=> Taglio cuneo fiscale: gli aumenti per scaglione di reddito

Precisamente, le stime parlano di un aumento corrispondente al 3,50% della retribuzione, quindi circa 87,67 euro, che tuttavia non riguarderà indistintamente tutte le categorie di lavoratori del settore pubblico e che invece prevede delle differenze in alcuni casi.

Ad esempio, grazie a uno stanziamento pari a un miliardo di euro per il 2020 e il 2021 e alle risorse pari a 1,775 miliardi messe a disposizione del precedente Governo, l’incremento sarà a beneficio anche dei comparti non contrattualizzati, come le Forze dell’Ordine, ma probabilmente saranno esclusi i dipendenti che possono contare su buste paga più basse.

I Video di PMI

Incentivi auto ed ecotassa 2019-2021