PA italiana poco mobile

di Teresa Barone

scritto il

?La PA nel mobile?: la ricerca condotta da Forum PA presentata nel corso di Smart City Exhibition 2014.

Quanto è attiva la Pubblica Amministrazione italiana nell?internet mobile? Quanti e quali servizi offre per raggiungere e comunicare con i cittadini anche attraverso smartphone e tablet?

=> Leggi i dati sull?uso dei servizi digitali della PA

L?indagine “La PA nel mobile? promossa da Forum PA ha cercato di rispondere a questi quesiti, tracciando un ritratto poco lusinghiero degli enti pubblici a quanto pare poco presenti sui device mobile.

La ricerca, presentata nel corso della Smart City Exhibition 2014 in programma a Bologna fino al 24 ottobre, mostra infatti come sia ancora molto ristretto il numero delle PA (locali e centrali) che dispongono di un portale Web accessibile da smartphone e tablet: in pratica solo una Regione su 20, vale a dire il Piemonte, oltre al 9% delle Province, al 15% dei Comuni capoluogo, al 10% delle Camere di Commercio e al 19% dei Ministeri e degli Enti statali nazionali.

I pochi passi in avanti compiuti dalle PA italiane verso il mondo mobile sono prevalentemente orientati alla realizzazione di App (290 in tutto quelle stimate da Forum PA):

«La maggior parte delle App delle PA in generale consiste in una riproposizione dei servizi informativi già offerti dalle amministrazioni tramite i propri siti web. Particolarmente frequenti sono le app per il turismo, l?ambito dove è più giustificato questo tipo di investimento. Una tipologia abbastanza presente è quella che permette ai cittadini di inviare segnalazioni su disservizi locali direttamente dal luogo di osservazione.»

=> Leggi i contenuti della Riforma della PA

In ogni caso, le Applicazioni sono rese disponibili solo per un sistema operativo nel 49% dei casi, quindi o Android o Apple. Solo il 17% degli enti che ha creato specifiche App mobile allargato la platea degli utenti comprendendo almeno tre sistemi.