Facebook dal pc del Comune, indagati

di Barbara Weisz

scritto il

Cinque dipendenti di un comune del forlivese accusati di peculato per aver usato il social network nelle ore d'ufficio. Un caso emblematico che solleva interrogativi: puo' essere un reato?

C’è anche un particolare curioso: fra il materiale acquisito c’è anche la memoria di un portatile del sindaco, Nevio Zaccarelli, che gli agenti hanno riversato su una chiavetta. Ma il primo cittadino, in realtà, è completamente estraneo all’indagine, semplicemente il suo pc era stato utilizzato da molte altre persone in municipio, e dunque scaricare il suo contenuto è stato un “atto dovuto”. 

Esposti i fatti, e sottolineata la prudenza che deve accompagnare un’indagine in corso, resta un interrogativo: navigare in internet o su Facebook nelle ore d’ufficio per un dipendente pubblico puo’ essere considerato un reato? Fra l’altro, sorgono spontanei degli interrogativi: l’amministrazione, se è contraria, non dovrebbe piuttosto bloccare l’accesso ai siti sgraditi? Non si configurano da parte dell’azienda, in caso di controlli e addirittura sanzioni, violazioni della privacy?

Il dibattito è aperto. Si è già verificato che dipendenti abbiano avuto problemi a causa di Facebook, in Italia e all’estero (ma questa è la prima volta che la questione riguarda dipendenti pubblici accusati di peculato). Nella maggior parte dei casi, pero’, a fare scattare i richiami erano le opinioni, negative sull’azienda, che i lavoratori postavano sul social network. Fra i primissimi casi, nel 2009, quello di una teen ager, Kimbelry Swann, licenziata da una società di logistica britannica per aver definito noioso il proprio lavoro. [<<< Pagina precedente]

[Torna alle news]

I Video di PMI

ISEE, i modelli caso per caso