Banda Larga in Alta Montagna

di Marina Mancini

scritto il

Per opera del CSP, la struttura di innovazione e ricerca della Pubblica Amministrazione piemontese, è online il rifugio Pontese in Valle Orco, in alta montagna

È online il rifugio Pontese in Valle Orco situato a 2200 m sopra la diga del Teleccio.

L’iniziativa è stata realizzata grazie alla rete a banda larga WiFi a 54 Mbit progettata e installata da CSP, il centro di innovazione tecnologica piemontese che da anni realizza progetti di ICT per la Pubblica Amministrazione.

Il progetto è stato realizzato nel quadro del Programma regionale WiPie attivo da oltre 2 anni, nelle Valli Orco e Soana, nel
territorio torinese.

La nuova sperimentazione include banda larga, trasmissione di dati scientifici ed uso di fonti rinnovabili.

Si tratta di un progetto che agisce su più fronti: è alimentato, infatti, ad energia solare mediante una serie di pannelli trasportati da un elicottero del Parco Nazionale del Gran Paradiso, include oltre alla rete a banda larga che serve il rifugio, anche la raccolta di dati scientifici di tipo meteorologico.

Prevede anche i terremoti il rifugio realizzata in valle Orco; infatti, vengono raccolti dati relativi alla rilevazioni dei precursori sismici.

Il funzionamento è noto ai radioamatori: la stazione registra dei segnali elettromagnetici, segnali radio di origine naturale denominati scientificamente "radio natura", che provengono dal sottosuolo e che dovrebbero preavvisare l’arrivo di un imminente terremoto dalle due alle dieci ore precedenti il sisma.

Per quanto concerne i dati meteo, la centrale che è posta sul rifugio trasmette via rete, senza fili, i dati in tempo reale permettendo un utilizzo della banda larga estremamente veloce.

A questo si aggiunge anche il servizio Voip per le comunicazioni telefoniche via Internet.

La centralina di raccolta dei dati è installata in un casotto, dotato di pannelli solari che permettono ai dispositivi di svolgere il proprio lavoro a emissioni zero.

Le immagini fotografiche della Valle, già proiettate in tempo reale via webcam, saranno presto visibili sul sito di CSP all’indirizzo: http://wipie.csp.it/vos/mappa/mappa.php?ID_postazione=26
e permetteranno di guardare il work in progress.