Carnevale WiFi a Venezia

di Marianna Di Iorio

scritto il

A partire da domani, e fino al 5 Febbraio, il carnevale a Venezia sarà un momento per sperimentare "Venice Connected", il progetto che punta a diffondere la banda larga sul territorio

Venice Connected: è questo il nome del progetto voluto dal Comune di Venezia per garantire, entro metà 2009, la copertura in banda larga sull’intero territorio nazionale. E già da domani, fino al 5 Febbraio, il Carnevale sarà un momento per sperimentare l’iniziativa.

Il progetto è stato presentato durante la conferenza stampa per il “Carnevale WiFi”. All’evento ha preso parte il vicesindaco Michele Vianello che ha tenuto a sottolineare l’importanza e il diritto, per il cittadino, di avere accesso alla rete. Perchè, afferma il vicesindaco, la rete «siamo noi, è dialogo globale».

In sostanza, grazie alla collaborazione tra l’Amministrazione comunale, Venis Spa, Cisco e gli operatori economici locali, i caffè storici della piazza e due alberghi convenzionati, i turisti e tutti i visitatori potranno acquistare una tessera di accesso giornaliero o per l’intero carnevale (rispettivamente al costo di 5 euro e 10 euro).

In questo modo, chiunque disporrà di un dispositivo WiFi potrà inviare brevi filmati riguardanti il Carnevale su YouTube, condividere foto su Flickr, accedere ai servizi online dei Musei Civici, avere accesso mobile alla rete Web e telefonare utilizzando il VoIP. Il tutto esclusivamente nei pressi di Piazza San Marco.

«Siamo ad un passo in avanti ulteriore del progetto Venice Connected, la scelta dell’Amministrazione comunale veneziana per superare il digital divide e per dare a tutti il diritto all’accesso alle reti informatiche», ha così dichiarato il vicesindaco in un video diffuso su YouTube.

I 7 video più divertenti e le 8 foto più belle saranno premiati con 15 telefonini Skype-compatibili.

I Video di PMI

ISEE, i modelli caso per caso