La reputazione online

di Francesca Vinciarelli

scritto il

Sembra impossibile e poco utile ma invece fa la differenza, la reputazione online definisce un lavoratore, ecco come gestirla al meglio.

Per chi ricopre ruoli importanti, e non solo, sul mondo del lavoro la reputazione online è fondamentale. La reputazione online è un vero e proprio biglietto da visita, anche con il minimo errore potrebbe andare a mancare credibilità e rispetto. Per questo è essenziale sapere cosa si deve e cosa non si deve mai fare sul web.

=> L’importanza della reputazione online 

La reputazione sul lavoro è sempre stata importante, ma da quando sono nati i social la questione si è complicata. Questo perché con i social si dovrebbe fare attenzione a ciò che si pubblica ancor prima di trovare lavoro, per questo è essenziale sapere cosa le aziende non vogliono trovare su internet riguardo i propri dipendenti.

=> La guida per la reputazione on line

Con la nascita dei Social network, la vita privata di ogni individuo è messa sempre più in risalto, questo perchè si possono condividere e di consegienza vedere i momenti, con la famiglia, con gli amici, gli hobby, gli interessi e le proprie passione. Non è vietato muoversi sui social, ma è consigliato farlo moderatamente, la privacy dovrebbe essere tutelata da tutti, lavoratori e non, ma per i lavoratori la situazione può essere diversa. Ad esempio se su un social, forum o discussione, si intraprende una conversazione è sempre consigliato evitare toni offensive e maleducati. Inoltre può capitare che il datore di lavoro, verifichi la reputazione online di un candidato prima di assumerlo. Questo anche perché la ricerca del personale ormai avviene molto più spesso tramite web. 

=> Dirigenti: reputazione nel web 

Infine evitare quindi informazioni troppo personali, evitare le frasi di odio e le discussioni troppo accese riguardo argomenti delicati, come politica, religione ed orientamento sessuale. Per quanto riguarda invece le foto e i video, meglio evitare foto troppo esplicite, volgari ed eccessive.