Tratto dallo speciale:

ENPACL: nuovi prestiti e agevolazioni

di Redazione PMI.it

scritto il

Misure straordinarie ENPACL a favore dei consulenti del lavoro per fronteggiare la crisi economica legata all'emergenza Coronavirus.

Con l’obiettivo di permettere a tutti gli iscritti di fronteggiare la situazione causata dall’ampliamento all’intero territorio nazionale della crisi epidemiologica, l’ENPACL ha deliberato nuove misure straordinarie a favore dei consulenti del lavoro.

=> Coronavirus: webinar consulenti del lavoro

A favore dei consulenti del lavoro con residenza, domicilio o sede operativa in uno dei Comuni della ex ‘zona rossa’, infatti, l’Ente ha attivato la sospensione dei versamenti contributivi fino al 31 dicembre 2020. Tutti gli iscritti con età inferiore a 75 anni, invece, possono beneficiare di una copertura collettiva in caso di decesso, con decorrenza 1 aprile 2020 e senza oneri per gli interessati.

Stando alle nuove disposizioni, i consulenti del lavoro possono concentrare il versamento della contribuzione 2020 negli ultimi quattro mesi dell’anno, iniziando a settembre e non a partire da aprile.

Sono sospese fino al mese di settembre tutte le rateazioni in corso, per riscatto, ricongiunzione e per contribuzioni pregresse.

Al fine di agevolare i professionisti in crisi di liquidità, inoltre, l’ENPACL favorisce l’accesso al credito erogando finanziamenti di importo fino al 20% del volume d’affari dichiarato all’Ente nel 2019, a tasso agevolato fino a un massimo di 50mila euro.

Ai Consulenti che si trovano in stato di quarantena o isolamento, infine, l’Ente riconosce una provvidenza di 3mila euro, sussidio che sale fino a 10mila euro nel caso di ricovero in strutture ospedaliere.

I Video di PMI

Coronavirus: misure per la ripresa post Covid-19