Zara si butta nelle vendite online

di Barbara Weisz

scritto il

La catena di fast fashion, leader nel mondo, apre oggi negozi virtuali in Italia e in altri cinque paesi europei. E prepara le app per iPad e iPhone

Lo shopping da Zara ora si può fare anche su Internet. La catena di abbigliamento del gruppo Inditex ha aperto da oggi i suoi negozi virtuali in sei paesi europei, fra cui l’Italia. Il commercio elettronico si propone sempre più come un canale di vendita allettante per i marchi della moda.

«Internet e il mondo delle reti sociali», spiega il vicepresidente del gruppo, Pablo Isla, «sono ogni giorno di più strumenti di riferimento indispensabili e canali straordinari di comunicazione che si adattano alla perfezione alla filosofia del nostro gruppo».

Zara inizia a vendere sul web anche in Francia, Germania, Portogallo, Regno Unito e Spagna. E nei prossimi mesi sbarcherà su nuovi mercati, oltre a rendere disponibili le applicazioni anche per iPhone e iPad. Insomma, uno sbarco in grande stile, in un settore che secondo alcuni analisti porterà, per l’intero gruppo, una crescita dei ricavi intorno al 4% nel 2011, e del margine operativo pari al 10%. 

Il fondatore di Inditex, Ignazio Ortega, vuole probabilmente tastare il terreno con il celebre marchio del fast fashion per poi allargare l’e-commerce anche ad altri brand. Il gruppo nato oltre trent’anni or sono con il primo negozio di La Coruna, oggi è il leader mondiale del settore, avendo recentemente superato la concorrente numero uno, l’americana Gap. Risale a tre anni fa invece il sorpasso su un altro big mondiale del fast fashion, H&M. I conti sono costantemente in crescita, +9% nel primo trimestre dell’anno, Zara ha oltre 3mila punti vendita in 64 paesi.

Il negozio virtuale, settimanalmente aggiornato con nuovi modelli in vendita, propone gli stessi prezzi degli store tradizionali, a cui bisogna aggiungere il costo della spedizione. I pagamenti si possono fare con carte di credito, bancomat e PayPal. Per la consegna ci sono diverse opzioni: si può scegliere il più vicino punto vendita e andare personalmente a ritirare gli acquisti, tenendo presente che la consegna avviene in tre-cinque giorni dall’ordine, oppure si può chiedere la consegna a domicilio. Ma in questo caso si paga un costo aggiuntivo di 3,95 euro. È possibile chiedere l’urgenza, con consegna entro 48 ore, a un prezzo di quasi 10 euro. Ci sono 30 giorni di tempo per cambi o restituzioni.