Manager della ristorazione con Alma

di Chiara Basciano

scritto il

Si è conclusa la seconda edizione del corso per Manager della ristorazione, con i 22 diplomati già proiettati nel mondo del lavoro.

Si è conclusa la seconda edizione del corso per Manager della ristorazione, un’iniziativa promossa da Alma, la Scuola internazionale di cucina italiana. E per i 22 diplomati, giunti al termine dei nove mesi di corso, è già tempo di inserirsi nel mondo del lavoro, mentre fioccano le iscrizioni per la terza edizione, che prenderà il via nel prossimo mese di settembre.

L’amministratore delegato di Alma Riccardo Carelli ha ricordato che il corso è nato due anni fa «per completare l’offerta della scuola per quanto riguarda l’ambito organizzativo e gestionale, attività sempre più necessaria nel settore ristorativo, soprattutto in tempo di crisi. I risultati ci hanno dato ragione – ha aggiunto – e posso annunciare che, data la richiesta di iscrizioni, dalla prossima edizione aggiungeremo una sezione in più». Un pensiero condiviso anche dal rettore Gualtiero Marchesi, che ricorda come «Non basta saper cucinare, oggi anche gli chef, specialmente nelle grandi brigate, devono avere una visione più manageriale, che tenga sotto controllo i costi di gestione».

=> Scopri di più sulla gestione dei dipendenti nella ristorazione

E il corso per Manager della ristorazione mira proprio alla formazione di professionisti di alto livello, con le competenze necessarie a un’organizzazione efficace e strategica, adeguata alle necessità di un mercato sempre più competitivo. Molto chiare a questo proposito le parole di Andrea Sinigaglia, executive manager di Alma: «Dobbiamo ricordarci – ha detto – che la cucina non è solo arte e creatività, ma è anche impresa, dobbiamo saperla difendere, vendere e sostenere il suo valore».