Più donne dirigenti nel settore tlc: lo chiede la UE

di Teresa Barone

scritto il

Ancora poche donne dirigenti nelle aziende europee attive nel digitale e nelle telecomunicazioni: i risultati di uno studio promosso dalla UE.

In Europa le donne sembrano essere ancora fortemente sottorappresentate nel settore del digitale e delle telecomunicazioni, soprattutto per quanto concerne le posizioni dirigenziali. Se meno di 30 laureate su mille scelgono di frequentare corsi universitari inerenti le tecnologie applicate all’informazione e alla comunicazione, solo 4 su mille trovano lavoro nel settore.

=> Vai allo speciale dedicato alle donne manager

Sono dati diffusi attraverso uno studio promosso dalla Commissione Europea, dal quale si evince come la percentuale di dirigenti donne sia poco superiore al 19,2% in tutto il contesto europeo legato alle aziende tlc, mentre negli altri ambiti si sale fino al 45,2%.

Una disparità che segna una rilevante perdita di PIL, infatti la parità tra i due sessi nel settore digitale porterebbe un aumento del Prodotto Interno Lordo pari a 9 miliardi di euro l’anno. Sono le aziende caratterizzate da un elevato numero di donne nella stanza dei bottoni, infatti, a mostrare fatturato e utili potenziati.

«Ormai non ci sono dubbi: più donne in azienda vuol dire aziende più prospere. È davvero il momento che il settore delle tecnologie dell’informazione se ne renda conto e lasci spazio alle donne per permettere all’economia europea di beneficiare delle loro immense potenzialità.»

=> Leggi i dati sulla presenza rosa nei CdA delle aziende italiane

Neelie Kroes, vicepresidente della Commissione e Commissaria europea responsabile per l’agenda digitale, ribadisce la necessità dia avviare ulteriori misure finalizzate a ridurre il gap tra i due sessi in ambito dirigenziale, anche incentivando la partecipazione a nuovi percorsi professionali nelle tlc.