Twitter: dimmi cosa condividi e ti dirò quanto guadagni

di Teresa Barone

scritto il

Linguaggio e contenuti usati su Twitter sono strettamente correlati alla fascia di reddito degli utenti.

L’account su Twitter e il modo di “cinguettare” in 140 caratteri può rivelare molto di una persona, perfino qualche dettaglio sulla sua busta paga.

=> Scopri come attirare l’attenzione su Twitter

Un gruppo di ricercatori dell’Università della Pennsylvania ha esaminato oltre 5mila tweets inviati da 10milioni di utenti attivi sul social network, con l’intento di determinare un legame tra il reddito percepito e il modo di usare questo canale social.

Il primo step della ricerca si è basato sul monitoraggio dei singoli profili, prestando attenzione all’occupazione e al livello di istruzione indicati dagli utenti e visibili a tutti. Successivamente, i ricercatori hanno creato più categorie professionali ipotizzando – inoltre – alcune fasce retributive legate proprio alle informazioni indicate.

Raggruppando gli utenti sulla base delle retribuzioni approssimative e provvedendo ad analizzare il contenuto dei messaggi,infine, gli studiosi hanno rilevato che gli utenti con un reddito più alto hanno maggiori probabilità di condividere contenuti relativi alla politica e alla società:sono gli stessi, inoltre, che vantano un maggior numero di followers.

Link ad altri articoli presenti sul Web, video e linguaggio molto informale caratterizzerebbero invece i tweets degli utenti che guadagnano meno. Ecco cosa affermano i ricercatori:

«Questo suggerisce che, in generale, che gli utenti con un reddito più basso usano i social media per la comunicazione personale, mentre quelli che percepiscono redditi più alti li utilizzano per finalità maggiormente professionali.»

 

I Video di PMI

Legge 104: agevolazioni per disabili e familiari