Per un e-commerce di successo in Cina

di Chiara Basciano

scritto il

Consigli per lanciare un sito commerciale in Cina, terra promessa del settore

Aprire un’azienda in un paese straniero è sempre fonte di studio, perché non si può non conoscere la cultura del paese ospitante. Se si pensa di ovviare a questo tipo di difficoltà percorrendo la strada dell’e-commerce ci si sbaglia di grosso, perché esistono differenze culturali anche nell’utente medio digitale di ogni luogo.

=> Scopri le problematiche dell’e-commerce

Per aiutare a sviluppare un portale commerciale in Cina, arrivano i sette consigli di Luca Collacciani, Regional Sales Manager di Akamai azienda leader nell’offerta di servizi cloud. Bisogna sottolineare che la Cina si preannuncia come luogo importantissimo di sviluppo del settore, dal momento che solo il 44% della popolazione è un utente di internet e quindi il numero è destinato a salire raggiungendo picchi molto elevati. Prima di tutto in Cina è essenziale essere raggiungibili tramite mobile, infatti nelle zone ad alta densità abitativa internet è utilizzabile tramite diversi dispositivi, ma le zone rurali si servono esclusivamente del mobile e sono proprio queste le zone più interessanti per il possibile sviluppo dell’e-commerce.

=> Vai al boom e-commerce

La gestione del sito deve essere compatibile con altre piattaforme, se infatti in Europa e negli Stati Uniti ogni sito aziendale è indipendente in Asia si tende ad avere mega store on line, dei veri e propri centri commerciali virtuali in cui sono inseriti i siti aziendali, che se troppo diversi dal tenore generale rischiano di rimanere esclusi.

=> Leggi l’e-commerce in Italia

Le performance del sito devono essere altissime, in modo da favorire una visualizzazione rapida e completa, anche per questo è bene rivolgersi a Content Delivery Network, capaci di risolvere rapidamente difficoltà legate alla tecnologia e alle differenti normative. Inoltre sarebbe bene prevedere la possibilità di utilizzo sia in lingua inglese che cinese, in modo da non far sentire escluso l’utente medio. Infine è bene sviluppare una buona comunicazione, soprattutto per le aziende più piccole e prevedere nei minimi dettagli la logistica, in modo da non allungare troppo i tempi di consegna.

I Video di PMI

Quali sono i contenuti migliori per Google?