Brevetto Unico Europeo: UE boccia ricorso italiano

di Francesca Vinciarelli

scritto il

La Corte di Giustizia dell'Unione Europea boccia il ricorso presentato da Italia e Spagna contro il trilinguismo del nuovo brevetto unitario: la decisione non sarebbe contraria alle regole UE.

È stato bocciato il ricorso presentato dall’Italia contro la cooperazione rafforzata tra 25 Paesi sul brevetto unico europeo.

Nel corso degli ultimi mesi, Italia e Spagna avevano presentato un ricorso alla Corte di Giustizia UE contro la decisione del Consiglio di creare un regime di trilinguismo per il brevetto unitario, considerandolo “discriminatorio” per le proprie imprese.

=>Ecco le obiezioni dell’Italia al trilinguismo

Il ricorso era stato presentato perché il regime di trilinguismo prevedeva come lingue ufficiali l’inglese, il francese e il tedesco, escludendo l’italiano e lo spagnolo.

=> Scopri i nuovi costi per le imprese del brevetto UE

Tuttavia la Corte di Gustizia dell’Unione Europea ha rifiutato il ricorso ribadendo che “alla luce dell’impossibilità per gli Stati Membri di pervenire a un regime comune per l’insieme dell’Unione entro un termine ragionevole, la decisione impugnata contribuisce al processo di integrazione europea“.

Una dichiarazione che stona con il significato di cooperazione rafforzata, che rappresenta una procedura decisionale, istituzionalizzata con il Trattato di Amsterdam e poi modificata dal Trattato di Nizza, che consiste nel realizzare una più forte cooperazione tra alcuni Stati membri dell’Unione europea in determinati temi (giustizia, difesa, gestione economica ecc.) e non riguarda solo il tema dei brevetti.

=> Leggi: Brevetto UE e implicazioni del trilinguismo

Secondo la Corte l’assenza di Italia e Spagna nel supporto alla cooperazione rafforzata “non danneggia il mercato interno, né la coesione economica, sociale e territoriale dell’Unione”, ma soprattutto la decisione stata presa “dopo che un certo numero di regimi linguistici è stato preso in considerazione senza però trovare il sostegno sufficiente in seno al Consiglio”.