Studi di Settore: lettere in arrivo per gli intermediari sulle anomalie

di Tullio Matteo Fanti

scritto il

In arrivo dalla Agenzia delle Entrate 37.000 file telematici indirizzati agli intermediari e relativi ad anomalie riscontrate sulla base dei dati rilevanti ai fini dell'applicazione degli Studi di Settore

Dopo le lettere spedite nei primi giorni del mese scorso direttamente ai 105.000 contribuenti soggetti a Studi di settore che presentavano anomalie dovute alla omessa o non corretta indicazione dei dati, sono ora in partenza 37.000 comunicazioni rivolte questa volta agli intermediari.

Si tratta, per l’esattezza, di 37.027 file telematici in cui è contenuto l’elenco dei
contribuenti assistiti per i quali sono state riscontrate le anomalie nelle dichiarazioni per il periodo d’imposta 2007, per un numero complessivo di 92.172 contribuenti interessati.

Le anomalie comunicate riguardano le incoerenze su gestione magazzino e beni strumentali, oltre alla non corrispondenza tra i dati nei modelli di comunicazione delle informazioni rilevanti per gli studi e gli altri contenuti nel modello Unico.

Inoltre, viene segnalata anche la mancata indicazione di dati fondamentali nel modello degli Studi di Settore.

La comunicazione in arrivo rappresenta un invito a valutare attentamente la situazione evidenziata, in vista della presentazione del prossimo modello di dichiarazione relativo al periodo d’imposta 2008, allo scopo di evitare il ripetersi di eventuali comportamenti non corretti.

Anche quest’anno, l’Agenzia delle Entratecercherà di agevolare lo scambio di informazioni con i contribuenti coinvolti negli Studi, tramite un software scaricabile gratuitamente dal sito web delle Agenzie stessa.

Il programma permetterà a contribuenti e intermediari di segnalare le motivazioni alla base delle anomalie rilevate, oppure eventuali imprecisioni riscontrate nella comunicazione ricevuta.

I Video di PMI