Nuovi moduli per Registro Imprese e REA

di Barbara Weisz

scritto il

Aggiornate modulistica e specifiche tecniche per l'invio degli atti al Registro Imprese, efficaci dal 15 ottobre, i vecchi software restano validi fino al 1 dicembre.

Dal prossimo 1 dicembre 2017 non si potranno più utilizzare i vecchi programmi informatici per trasmettere gli atti al Registro Imprese e al REA (repertorio economico e amministrativo): il ministero ha approvato nuove specifiche tecniche, che saranno efficaci dal 15 ottobre. Sono contenute nel decreto del MiSE dello scorso 13 settembre. In pratica, da metà ottobre si potranno utilizzare i nuovi programmi informatici, c’è un periodo cuscinetto di un mese e mezzo durante il quale continueranno a funzionare anche quelli realizzati in base alle vecchie specifiche tecniche, mentre da dicembre bisognerà necessariamente avere aggiornato i software. Le novità riguardano modifiche alla modulistica, il tracciato, la creazione di nuovi Comuni (per accorpamento con quelli preesistenti), e modifiche di codici.

=> Guida al Registro Imprese

Al modello di iscrizione al Registro imprese è stato aggiunto un nuovo riquadro al modulo S1, denominato “Altri atti e fatti soggetti ad iscrizione e a deposito“, che serve a indicare alcune informazioni aggiuntive in sede di prima iscrizione di società ed altri organismi. Per quanto riguarda le variazioni dei codici si segnalano le seguenti novità:

  • codice C47, “modello verifica dinamica requisiti“: per la verifica dinamica dei requisiti di agenti e rappresentanti di commercio, mediatori, mediatori marittimi e spedizionieri, ai sensi dei decreti ministeriali emanati in data 26/10/2011;
  • codice R09relazione perseguimento beneficio comune società benefit“: per l’esecuzione dell’adempimento pubblicitario previsto dall’art. 1, comma 382, della Legge 208/2015;
  • codice D36, “startup-dichiarazione soci con trasparenza DL 179/12 art. 25 c. 12“: per l’esecuzione dell’adempimento pubblicitario di cui all’art. 25, comma 12, lettera “e”, del DL 179/2012, secondo le modalità illustrate nella Circolare MISE n. 3699/C del 13/06/2017.

Per approfondimenti: decreto ministero, nuove tabelle Comuni, Modulo S1