Tratto dallo speciale:

Attività economiche e produttive: linee guida per la riapertura

di Redazione PMI.it

scritto il

Protocolli di sicurezza allegati al nuovo decreto Covid-19 con tutte le direttive specifiche legate alle riaperture dal 18 maggio.

Nei numerosi allegati al Dpcm del 17 maggio 2020, con cui il Governo dà attuazione alle direttive da seguire per il nuovo capitolo della fase 2, trovano posto anche le schede tecniche con gli indirizzi operativi per i singoli settori di attività, con le misure anti Covid (norme di comportamento, distanziamento sociale e contact tracing) a tutela della salute di utenti e lavoratori.

Le indicazioni sono fornite sulla base dei protocolli già condivisi con le parti sociali e dei  documenti tecnici prodotti da INAIL e ISS. Tali procedure e istruzioni operative possono coincidere con quelle già adottate, purché opportunamente integrate. Riguardano i seguenti settori:

  • ristorazione,
  • attività turistiche (balneazione),
  • strutture ricettive,
  • servizi alla persona (parrucchieri ed estetisti),
  • commercio al dettaglio,
  • commercio al dettaglio su aree pubbliche (mercati, fiere e mercatini degli hobbisti),
  • uffici aperti al pubblico,
  • piscine,
  • palestre,
  • manutenzione del verde,
  • musei, archivi e biblioteche.

=> Coronavirus: linee guida per ripartire sicuri

 

I Video di PMI

Italia fuori dall’Euro: le ragioni del sì e del no