ISEE: nuove regole e scadenze

di Barbara Weisz

scritto il

Il Milleproroghe cancella l'obbligo e la data di partenza dell'ISEE precompilato, dal 2019 cambia anche la durata della validità della DSU.

Niente ISEE precompilato, rinviato a data da destinarsi: il Milleproroghe, approvato in via definitiva, non solo ne fa slittare i termini ma prevede anche un apposito decreto ministeriale che ne stabilisca le nuove scadenze. Non solo: cambiano anche le date di validità dell’indicatore della situazione economica equivalente: il termine annuale diventa il 31 agosto successivo alla data di presentazione della DSU.

ISEE precompilato

L‘articolo 5 del Milleproroghe (Dl 91/2018) modifica il Dlgs 147/2017 abolendo la scadenza dello scorso primo settembre per l’avvio obbligatorio dell’ISEE precompilato. Un futuro decreto dovrà stabilire la data a partire dalla quale sarà:

possibile accedere alla modalità precompilata di presentazione della DSU, nonché la data a partire dalla quale è avviata una sperimentazione in materia.

Nel frattempo, dal 2019 (con uno slittamento rispetto alla precedente data del 2018), partirà la collaborazione fra l’istituto di previdenza e il Fisco per la sperimentazione della DSU precompilata (Dichiarazione Sostitutiva Unica), utilizzando informazioni incrociate prese da Anagrafe tributaria, Catasto, INPS e istituti di credito.

Calcola l’ISEE online su PMI.it

La precedente normativa prevedeva che, dallo scorso primo settembre 2018, l’ISEE precompilato divenisse l’unico modo per presentare la DSU. Ora questo termine è saltato, senza essere sostituito da un’altra data. Nel corso del 2019 sarà comunicato quando e in che modo prenderà il via.

Scadenze

Nel frattempo partono i nuovi termini di validità per cui, dal 2019, la DSU sarà valida dal momento della presentazione fino al 31 agosto. L’inizio del periodo di validità per ciascun anno è il primo settembre.

Quindi, chi presenta la DSU a gennaio 2019 avrà ISEE valido fino al 31 agosto 2019. Per la successiva presentazione sarà invece valida per l’intero anno, fino al 31 agosto 2020.

I dati su redditi e patrimoni contenuti nella DSU sono comunque aggiornati prendendo come riferimento l’anno precedente. Quindi, la DSU presentata nel corso del 2019 (indipendentemente dal mese), conterrà i dati fiscali relativi al 2018.