Telemarketing, da domani si sceglie

di Lorenzo Gennari

scritto il

Da domani arriva il regime del cosiddetto "opt out" per il telemarketing. Tutti gli utenti saranno contattabili tranne quelli che si iscriveranno al Registro delle opposizioni online, affidato alla Fondazione Ugo Bordoni

Da domani, chi volesse evitare di essere oggetto di telemarketing, dovrà necessariamente iscriversi al “registro delle opposizioni“. Si tratta dell’applicazione della legge 166/2009 e delle sue successive correzioni che hanno, di fatto, introdotto il sistema del silenzio assenso per il trattamento e l’utilizzo dei dati personali.

In questo modo, tutti gli utenti che non abbiano esercitato il diritto di opposizione, mediante l’iscrizione delle numerazioni delle quali sono intestatari nel registro pubblico, potranno essere contattati telefonicamente per ogni tipo di offerta commerciale.

Il sito Internet del registro, gestito dalla Fondazione Ugo Bordoni, non sarà la sola modalità per le iscrizioni, nonostante sia comunque la più semplice. La richiesta, infatti, potrà essere inviata anche mediante posta elettronica, lettera raccomandata o fax al recapito dedicato che verrà predisposto dal gestore.

Nel mese di febbraio è prevista una campagna di comunicazione, in cui è coinvolto anche il Dipartimento dell’editoria di Palazzo Chigi, per informare le famiglie di questa possibilità. Gli operatori telefonici, nel frattempo, sono corsi ai ripari per evitare una cancellazione di massa dagli elenchi di chi è contattabile senza problemi, varando un codice di autoregolamentazione: chi deciderà di non opporsi al telemarketing potrà essere chiamato solo a orari predefiniti e con una frequenza ridotta di chiamate.

I presidenti di Adusbef e Federconsumatori, rispettivamente Elio Lannutti e Rosario Trefiletti, invece hanno lamentano l’assenza di un adeguato periodo transitorio, fondamentale per l’informativa alle famiglie anche alla luce delle esperienze registrate in altri stati della Comunità Europea che hanno adottato questo sistema e che ha visto la lista delle opposizioni raggiungere dimensioni adeguate solo dopo svariati anni di vigenza di questo sistema.

Una volta a regime, la prassi, per le aziende che utilizzano il telemarketing, sarà quella di fornire al gestore del registro una lista di contatti che verrà riconsegnata epurata dai presenti nel registro (N.B. Il registro non fornirà dati di alcun utente a soggetti terzi). Per quanto riguarda gli utenti, i passi da seguire sono descritti dettagliatamente nelle pagine del Blog di PMI.it.

I Video di PMI

Legge di Bilancio: l’iter istituzionale