Manovra, aumento bollo per depositi titoli

di Noemi Ricci

scritto il

In Manovra Finanziaria 2011 anche l'aumento dell'imposta di bollo seui depositi titoli (fino a 380 euro) e aliquota al 20% sui redditi da capitale

Manovra finanziaria 2011: tra le misure oggetto di polemica, l’aumento dell’imposta di bollo sui depositi titoli, che sale da 34,20 euro a 120 euro per gli anni 2011 e 2012. Dal 2013, l’aumento è fissato a 150 euro per i depositi sotto i 50.000 euro e 380 euro per conti titoli superiori a 50mila euro (restano escluse le cifre inferiori a mille euro).

Il disegno di legge delega figura prevede poi un’aliquota unica al 20% andrà su tutti i redditi da capitale, tranne che su titoli di Stato, previdenza complementare e risparmio di lungo termine.

In realtà la misura è più un danno che un beneficio, perchè dai rialzi delle imposte saranno esclusi solo i titoli di Stato. In particolare, la manovra prevede un aumento delle tasse su tutti quei redditi da capitale attualmente tassati al 12,5%:

  1. fondi
  2. azioni
  3. dividendi
  4. PCT (pronti contro termine)
  5. ETF (fondi comuni d’investimento o Sicav
  6. obbligazioni bancarie e societarie

Il ribasso (dall’iniziale 27%) riguarderà solo l’aliquota sui conti correnti e sui depositi online.

La combinazione delle novità contenute nel testo della manovra, secondo molti, potrebbe portare i piccoli risparmiatori a declinare la possibilità di investire in dossier titoli, magari guardando ai depositi vincolati o ai conti delle banche online, che offrono qualche punto d’interesse.

_____________________

ARTICOLI CORRELATI