Locazioni, come pagare con F24 ELIDE

di Barbara Weisz

scritto il

Fine del periodo transitorio, dall'1 gennaio 2015 solo il modello F24 ELIDE per imposta di bollo e altre tasse legate alle locazioni: norma, scadenze e codici tributo.

Il modulo F23 per pagare le tasse relative alle locazioni (imposta di bollo, registro, e via dicendo) va definitivamente in soffitta, dallo scorso 1° gennaio 2015 il versamento va effettuato esclusivamente attraverso il modello F24 ELIDE. L’Agenzia delle Entrate, con un provvedimento di gennaio 2014, aveva introdotto un periodo transitorio, durante il quale il bollo e le altre imposte sul contratto di affitto potevano essere pagate utilizzando entrambi i modelli: sia l’F24 versamenti con elementi identificativi, sia l’F23. Il periodo transitorio è terminato il 31 dicembre 2014, quindi dal 2015 l’operazione va effettuato con il nuovo sistema.

=> Nuovo Modello F24 Elide per le locazioni

Codici tributo

I codici tributo da utilizzare nella compilazione del Modello F24 ELIDE sono contenuti nella Risoluzione n. 14/E del 24 gennaio 2014:

  • 1500: imposta di registro per prima registrazione;
  • 1501: registro per annualità successive;
  • 1502: registro per cessioni del contratto;
  • 1503: registro per risoluzioni del contratto;
  • 1504: registro per proroghe del contratto;
  • 1505: imposta di bollo;
  • 1506: tributi speciali e compensi;
  • 1507: sanzioni da ravvedimento per tardiva prima registrazione;
  • 1508: interessi da ravvedimento per tardiva prima registrazione;
  • 1509: sanzioni da ravvedimento per tardivo versamento di annualità e adempimenti successivi;
  • 1510: interessi da ravvedimento per tardivo versamento di annualità e adempimenti successivi;
  • A135: imposta di registro – Avviso di liquidazione dell’imposta;
  • A136: imposta di bollo –  Avviso di liquidazione dell’imposta;
  • A137: sanzioni – Avviso di liquidazione dell’imposta;
  • A138: interessi –  Avviso di liquidazione dell’imposta.

=> Locazioni, registrare il contratto e pagare le tasse

Scadenze

Fra le prime scadenze fiscali in vista sul fronte degli adempimenti legati alle locazioni, il versamento (entro il 2 febbraio 2015) dell’imposta di registro sui contratti stipulati o rinnovati tacitamente a decorrere dal primo gennaio 2015 per i quali non si sia optato per il regime della cedolare secca.