Tratto dallo speciale:

Dichiarazione redditi 2012: scadenza Modello 770 vicina

di Francesca Vinciarelli

scritto il

Dichiarazioni dei redditi 2012: si avvicina la scadenza fiscale per la presentazione da parte dei sostituti d'imposta dei Modelli 770/2012 semplificato e 770/2012 ordinario.

Si avvicina la scadenza fiscale per presentare per via telematica i Modelli 770/2012 semplificato e 770/2012 ordinario all’Agenzia delle Entrate.

Il termine è stato prorogato al 20 settembre 2012, dal precedente 31 luglio grazie al DPCM 26 luglio 2012 pubblicato nella G.U. del 30 luglio 2012 n. 176 recante il “Differimento, per l’anno 2012, del termine per la presentazione in via telematica delle dichiarazioni modelli 770/2012”.

L’invio della dichiarazione dei sostituti d’imposta, mediante Modelli 770/2012 semplificato e 770/2012 ordinario e relativa all’anno 2011, potrà avvenire pertanto facendo ricorso agli intermediari incaricati dalla legge, entro tale termine.

La proroga era arrivata riconoscendo le difficoltà organizzative oggettive di tali soggetti a fronte delle molteplici scadenze fiscali condensate nello stesso arco temporale.

Ricordiamo che sono chiamati alla presentazione del Modello 770 tutti i sostituti d’imposta (datori di lavoro, enti pensionistici e Amministrazioni dello Stato). La comunicazione, che avviene annualmente di solito entro il 31 di luglio, deve contenere contenente i dati delle ritenute effettuate in ciascun periodo d’imposta, i versamenti eseguiti, i crediti, le compensazioni operate e i dati contributivi e assicurativi.

Nel Modello 770 Semplificato vanno indicati i dati delle certificazioni relative a:

  • redditi di lavoro dipendente, equiparati e assimilati;
  • indennità di fine rapporto;
  • prestazioni in forma di capitale erogate da fondi pensione;
  • redditi di lavoro autonomo;
  • provvigioni e redditi diversi.

Nel Modello 770 Ordinario vanno invece indicati i dati relativi a

  • ritenute operate su dividendi;
  • proventi da partecipazione;
  • redditi di capitale;
  • operazioni di natura finanziaria;
  • indennità di esproprio;
  • versamenti effettuati;
  • compensazioni operate;
  • crediti d’imposta utilizzati.