Evasione fiscale per metà degli esercenti italiani

di Francesca Vinciarelli

scritto il

Continua a crescere l'evasione fiscale in Italia, nonostante gli sforzi del Fisco, oltre metà degli esercenti non emette lo scontrino o lo rilascia irregolare.

L’evasione fiscale in Italia è un fenomeno ben lontano dall’essere arginato, nonostante gli sforzi del Fisco risulta in aumento l’evasione nei ristoranti, nei bar e nei negozi: oltre la metà (54%) dei conti viene pagata senza scontrino e spesso quando questo viene emesso è irregolare. Ma anche case vacanza e bed&breakfast risultano con conti spesso in nero.

=> Evasione fiscale: in Italia e non

Lo rivela un’indagine dell’Adnkronos, effettuata dal 1 aprile al 1 maggio 2016 tramite monitoraggio diretto, con la collaborazione di diverse associazioni di categoria e dei consumatori sul territorio. Nel 2014 nella stessa rilevazione risultavano non in regola con le ricevute fiscali il 51% degli esercizi commerciali.

A livello territoriale l’evasione fiscale è più evidente al Sud, sopratutto a Napoli, dove gli esercenti che non producono alcuno scontrino sono il 78%. Seguono Bari con il 66% e Roma con il 57%. I più virtuosi sono i genovesi con il 18% delle irregolarità, seguiti da milanesi e torinesi con il 35%.

=> Evasione fiscale, arriva la banca dati internazionale

Ricordiamo che le sanzioni per l’omessa emissione dello scontrino sono previste solo in capo all’esercente e non anche al cliente, il quale dovrebbe tuttavia richiederlo sempre, controllando altresì l’esattezza dei dati fiscali riportati sulle ricevute fiscali, a partire dall’importo.

Sono esonerati dall’emissione dello scontrino o della ricevuta fiscale solo le cessioni di tabacchi, di carburanti per l’autotrazione, di giornali e beni mediante distributori automatici funzionanti a gettone o a moneta, conducenti di taxi (a meno che il cliente non lo richieda espressamente), ciabattini, ombrellai, arrotini e altre attività considerate minori.

I Video di PMI

Sanzioni per violazioni amministrative