ISEE Corrente e rinnovo DSU per non perdere le agevolazioni

Risposta di

Barbara Weisz

scritto il

Silvio chiede

Percepisco il Reddito di Cittadinanza. In merito al rinnovo ISEE 2021, essendo il mio reddito 2019 penalizzante rispetto a quello 2020, posso utilizzare un ISEE Corrente che tenga conto della situazione economica peggiorativa nell’ultimo anno?

Barbara Weisz risponde

Se da un lato è vero che è necessario rinnovare l’ISEE Ordinario in scadenza per non perdere le prestazioni di cui si è già titolari (con i redditi 2019), è anche vero che si può ricorrere in aggiunta anche all’ISEE Corrente per notificare all’INPS la mutata situazione economica (con i redditi 2020), utilizzando il modello che fotografa lo stato attuale delle cose.

In base alla norma inserita nel Decreto Crescita (articolo 4 sexies dl 34/2019) convertito con modificazioni dalla legge n. 58/2019, il contribuente in sede di presentazione DSU per l’ISEE ha la possibilità di:

aggiornare i dati prendendo a riferimento i redditi e i patrimoni dell’anno precedente, qualora vi sia convenienza per il nucleo familiare, mediante modalità estensive dell’ISEE Corrente.

La disciplina aggiornata dell’ISEE Corrente si applica agli ISEE Correnti presentati a partire dal 23 ottobre 2019. Mentre in passato erano necessaria sia la variazione della situazione lavorativa e di quella reddituale, oggi le due casistiche sono anche alternative. Quindi basta una variazione di almeno il 25% del reddito familiare ai fini ISEE per avere diritto a presentare l’ISEE Corrente.

=> Calcola online il tuo ISEE

La validità dell’ISEE Corrente è di sei mesi, che decorrono dalla data di presentazione del modello (a meno che nel frattempo non intervengano variazioni della situazione occupazionale o nella fruizione dei trattamenti).