Saldo e Stralcio: tempi di risposta dall’Agenzia delle Entrate

Risposta di

Redazione PMI.it

scritto il

Giuliano chiede

Vorrei sapere entro quali tempi deve pervenire la risposta da parte dell’Agenzia delle Entrate circa la domanda inoltrata di “Saldo e Stralcio” (via PEC in data 18 marzo). Senza la risposta, la Cassa Forense non potrebbe erogare la mia pensione.

Redazione PMI.it risponde

La risposta alla sua domanda è contenuta nelle FAQ sul Saldo e stralcio, pubblicate sul sito dell’Agenzia delle Entrate-Riscossione.

In base alla Legge n. 145/2018, l’esito dell’istanza (accoglimento o diniego) deve pervenire entro il 31 ottobre 2019.

  • In caso di accoglimento, si riceve anche comunicazione dell’ammontare del debito da regolarizzare ed i relativi bollettini di pagamento.
  • In caso di rigetto della domanda, nella comunicazione sarà indicata anche la causa del mancato accoglimento e, per i soli debiti che potrebbero essere sanati in altro modo (ai sensi dell’art. 3 del D.L. n. 119/2018), si renderà nota l’inclusione automatica nella definizione agevolata 2018 (rottamazione-ter), con importo da pagare e relative scadenze.

Il pagamento delle somme dovute dovrà essere effettuato in un’unica soluzione entro il 30 novembre 2019, oppure:

  • in 17 rate (5 anni), di cui la prima entro il 30 novembre 2019 (30%) e le restanti 16, di pari importo, il 28 febbraio, 31 maggio, 31 luglio e 30 novembre de quattro anni successivi;
  • in 9 rate (3 anni) se, per gli stessi carichi, è stata già richiesta la rottamazione-bis ma non risultino pagate al 7 dicembre scorso le rate di luglio, settembre e ottobre 2018.