Tratto dallo speciale:

Mappa Coronavirus: la diffusione nel Mondo a giugno 2020

di Redazione PMI.it

scritto il

In Italia l'emergenza Coronavirus sta rientrando, mentre nel Mondo esplodono nuovi focolai: i dati aggiornati dei contagi nel Mondo e in Europa.

Mentre in Italia l’emergenza Coronavirus sta piano piano rientrando, con i nuovi casi registrati che alle ore 18 del 4 giugno sono scesi a 177, la diffusione del COVID-19 nel resto del Mondo continua ad essere importante e ci sono Paesi interi che ancora stanno combattendo a denti stretti per uscirne. Vediamo cosa ha comunicato il Ministero della Salute italiano sulla base degli ultimi dati OMS.

=> Mappa Coronavirus: la situazione in Italia a giugno 2020

Diffusione Coronavirus nel Mondo

Stando all’Health Emergency Dashboard dell’OMS del 04 giugno ore 08.47 am, a livello globale si contano:

  • 6.366.788 casi confermati nel mondo dall’inizio dell’epidemia (quasi raddoppiati dai 3.557.235 di inizio maggio);
  • 383.262 morti (ad inizio maggio erano 245.150).

In Cina la situazione si può dire abbastanza stabile, ci sono ora:

  • 84.603 casi confermati clinicamente e in laboratorio (erano 84.406 ad inizio maggio);
  • 4.645 morti (due in più di inizio maggio).

In Europa, inclusa l’Italia (fonte: Dashboard Who European Region, 03 giugno, ore 10), ci sono:

  • 2.195.000 casi confermati (erano 1.568.301 ad inizio maggio)
  • 183.370 morti (erano 145.638 morti).

=> Confronta con la diffusione del Coronavirus nel Mondo a maggio 2020

Cambiano quelli che ora sono i primi cinque Paesi per trasmissione locale in Europa​ (a maggio il primo Paese era la Spagna, seguito da Italia, Germania, Regno Unito e Francia):

  • Russia 432.277 casi  (5.215 morti);
  • Regno Unito 277.985 casi (39.369 morti);
  • Spagna 240.304 casi (29.858 morti);
  • Italia 233.836 casi (33.601 morti, fonte: Dipartimento Protezione Civile);
  • Germania 182.370 casi (8.551 morti);
  • Francia 152.091 casi (28.940 morti).

=> Ingegneri: 10 proposte per la ripresa post Covid




In America secondo gli ultimi dati OMS (Fonte: Health Emergency Dashboard, 04 Giugno, ore 08.47 am) la situazione sta peggiorando soprattutto in Brasile, la regione che in questo momento preoccupa di più, e Messico:

  • Stati Uniti 1.823.220 casi con 106.051 morti (a inizio maggio si registravano 1.171.185 casi, 62.698 morti);
  • Brasile 555.383 casi e 31.199 morti;
  • Canada 92.748 casi e 7.414 morti (a maggio 61.159 casi, 3.915 morti);
  • Messico 97.326 casi e 10.637 morti (a maggio 24.905 casi, 2.271 morti).

Attualmente l’America ha superato l’Europa per numero di casi di Coronavirus (a maggio era il contrario), il totale è praticamente raddoppiato in un mese.

Valutazione del rischio OMS

La valutazione del rischio ECDC resta quello aggiornato al 23 aprile, che ricordiamo di seguito:

  • il rischio di malattia grave associata all’infezione COVID-19 per le persone in Europa (UE/SEE e Regno Unito) è attualmente considerato moderato per la popolazione generale e alto per gli anziani e le persone con malattie croniche di base;
  • il rischio è molto elevato se non sono in atto misure di mitigazione efficienti o se le stesse venissero revocate improvvisamente o troppo presto, causando una probabile ripresa dei casi;
  • il numero di casi COVID-19 è aumentato molto rapidamente, il rischio di insorgenza di cluster, simili a quelli in Italia, Spagna, Germania e Francia associati a COVID-19 in altri Paesi europei è considerato molto elevato;
  • il rischio di malattia grave nell’UE/SEE e nel Regno Unito è attualmente considerato molto elevato per le popolazioni con fattori definiti associati a un rischio elevato di COVID-19 in aree in cui non sono in atto adeguate misure di distanza fisica e/o in cui la trasmissione della comunità è ancora elevata e in corso;
  • il rischio di ripresa della trasmissione comunitaria sostenuta nell’UE/SEE e nel Regno Unito è attualmente moderato se le misure vengono gradualmente eliminate e accompagnate da adeguati sistemi e capacità di monitoraggio, con l’opzione di reintrodurre le misure se necessario, e rimane molto elevata se le misure sono eliminate gradualmente senza sistemi e capacità adeguati, con un probabile rapido aumento della morbilità e della mortalità della popolazione.

=> Coronavirus: linee guida per ripartire sicuri

Il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie segnala:

In assenza di un vaccino o di un trattamento efficace e a causa del livello di immunità della popolazione ancora basso, può verificarsi una rapida ripresa della trasmissione prolungata del virus nella comunità, che può portare a morbilità e mortalità della popolazione molto elevate, Ciò può essere correlato con l’interruzione dei servizi sanitari, ma anche all’elevata mortalità associata alle epidemie nelle residente sanitarie assistite e in altre popolazioni con fattori associati a un elevato rischio di grave COVID-19, se questi non sono adeguatamente protetti. In sintesi, l’impatto potrebbe essere molto elevato, non solo dal punto di vista della salute pubblica, ma anche perché i focolai di COVID-19 possono causare enormi perturbazioni economiche e sociali.

I Video di PMI