Ammortizzatori sociali in deroga fino al 2016

di Francesca Vinciarelli

scritto il

La circolare esplicativa del Ministero del Lavoro sugli ammortizzatori in deroga e sui criteri di concessione delle prestazioni.

Il Ministero del Lavoro ha fornito chiarimenti in merito all’accesso agli ammortizzatori sociali in deroga con la circolare n. 19/2014 e, più precisamente, sulla riforma che ha dato la possibilità di disporre la concessione o la proroga di trattamenti di integrazione salariale e di mobilità in deroga alla normativa vigente per gli anni 2013-2016 a fronte del perdurare della crisi economica in Italia.

=> Cig in deroga: nuove regole e finanziamenti 2014

Cassa integrazione guadagni in deroga

Il trattamento di Cassa integrazione guadagni in deroga (CIGD) può essere richiesto solo dalle imprese di cui all’articolo 2082 del codice civile che esclude i datori di lavoro non imprenditori. Esso può essere concesso ai lavoratori con qualifica di operai, impiegati e quadri, compresi gli apprendisti e i lavoratori somministrati, purché in possesso di uno dei seguenti requisiti:

  • anzianità lavorativa di almeno 8 mesi presso l’azienda richiedente;
  • sospesi dal lavoro o effettuano prestazioni di lavoro a orario ridotto per contrazione o sospensione dell’attività produttiva per situazioni aziendali dovute ad eventi transitori e non imputabili all’imprenditore o ai lavoratori, o per situazioni aziendali determinate da situazioni temporanee di mercato, o per crisi aziendali, o per ristrutturazione o riorganizzazione.

=> Sblocca Italia: finanziati ammortizzatori sociali in deroga 2014

La domanda deve essere presentata all’INPS e alla Regione per via telematica allegando il testo dell’accordo sindacale. Nel caso in cui la crisi aziendale veda coinvolte unità produttive situate in diverse Regioni o PA, l’accordo viene sottoscritto in sede governativa e le istanze devono essere trasmesse entro il termine di venti giorni al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali – Direzione Generale per gli ammortizzatori sociali e gli incentivi all’occupazione utilizzando la modulistica ancora disponibile sul sito web istituzionale seguendo il percorso “www.lavoro.gov.i t > Area lavoro > ammortizzatori sociali > concessioni in deroga e/o normative speciali”. Verranno ammessi in via prioritaria al trattamento i lavoratori dipendenti di imprese soggette alla disciplina in materia di CIG e alla disciplina dei Fondi di solidarietà.

=> Cig in deroga 2013: pagamento per pochi

Mobilità in deroga

Per avere accesso al beneficio della mobilità in deroga il lavoratore deve essere in possesso dei seguenti requisiti:

  • 12 mesi di anzianità aziendale presso il datore di lavoro che ha effettuato il licenziamento, di cui almeno 6 mesi relativi a prestazione effettivamente svolta, comprese ferie, festività e periodi di infortunio. Nel computo vanno inclusi eventuali periodi di attività svolti presso la medesima impresa ma con iscrizione alla gestione separata a condizione che: non si tratti di redditi derivanti da arti e professioni; il lavoratore operi in regime di monocommittenza; il reddito complessivo conseguito sia superiore a 5.000 euro;
  • aver reso dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro o ad un percorso di riqualificazione professionale;
  • non essere in possesso di condizioni di accesso ad ogni altra prestazione a sostegno del reddito connessa alla cessazione del rapporto di lavoro prevista dalla normativa vigente.

=> Vai allo Speciale ammortizzatori sociali

Le domande di accesso alla mobilità in deroga devono essere presentate direttamente dai lavoratori interessati all’INPS entro 60 giorni dalla data di licenziamento o dalla data di scadenza del periodo di prestazione precedentemente fruito o, se successiva, dalla data in cui e stato emesso il provvedimento di concessione della prestazione da parte della Regione o PA ovvero dalla data del decreto interministeriale nel caso di imprese con unità produttive situate in diverse Regioni o PA.