E-learning e lavoro con Academy Cube

di Teresa Barone

scritto il

Il progetto “Academy Cube” sbarca in Italia: piattaforma e-learning per favorire la formazione e l’occupazione dei giovani.

Prende il via anche in Italia il progetto “Academy Cube”, iniziativa promossa dalla Commissione Europea per favorire l’acquisizione di competenze e l’ingresso nel mondo del lavoro degli studenti e dei giovani neolaureati in cerca di occupazione. Partner fondatore è SAP, che oltre a un investimento di 3 milioni di euro ha messo a disposizione le proprie soluzioni Cloud per realizzare la piattaforma, finalizzata ad agevolare l’incontro tra le aziende e i talenti.

E-learning

Il progetto Academy Cube si basa sulla creazione di una piattaforma di e-learning fruibile da studenti e neolaureati che vogliono migliorare le proprie conoscenze negli ambiti Science, Technology, Engineering e Mathematics (STEM), discipline fondamentali per trovare lavoro oggi. A disposizione degli utenti ci sono corsi specialistici e materiali didattici inerenti le pratiche di digitalizzazione dei processi business, dai Big Data ai data management, dal business analytics alla logistica e produzione.

=> Scopri tutte le opportunità di e-learning

Offerte di lavoro

Gli utenti della piattaforma potranno, inoltre, entrare in contatto direttamente con le aziende europee che – proprio attraverso il portale – segnaleranno le posizioni ricercate. Luisa Arienti, Amministratore Delegato di SAP Italia, focalizza l’attenzione sul ruolo fondamentale delle tecnologie per favorire l’occupazione nel paese: «La disoccupazione giovanile è un tema di grande preoccupazione per il paese; ritengo che anche le aziende debbano dare un contributo e in particolare quelle che operano nel nostro settore. Le nuove tecnologie possono fornire opportunità in termini di innovazione e creazione di posti di lavoro giovanile; a patto di formare adeguatamente i giovani di oggi in modo che maturino le competenze richieste: con Academy Cube diamo un contributo per colmare concretamente il divario tra le necessità attuali del mercato e le competenze offerte.»